Home » Benessere » Ospedali italiani: meno peggio di quel che pensiamo

Ospedali italiani: meno peggio di quel che pensiamo

Gli italiani denunciano tanto, soprattutto i medici. Arrivano anche a picchiarli, per “mancanze” che loro definiscono malasanità. Eppure le statistiche europee dicono che se il 17% degli italiani è vittima di errori medici e ospedalieri, nel resto d’Europa, nazione per nazione, la media sale al 27%. Da noi, insomma, i medici sbagliano molto meno di quanto non si pensi. E la buona notizia è che questa bassa percentuale di errore, col tempo, va diminuendo sempre più.

Eppure siamo bravi

L’Italia è molto brava soprattutto nella gestione dei farmaci. Lo rivela il convegno di HPS-AboutPharma. Nel campo delle neoplasie, dove la somministrazione e l’attenzione al tipo di medicina è massima e coinvolge molti professionisti, in Italia gli errori sono davvero pochi. I nostri ospedali rispettano alla lettera le linee guida necessarie per gestire al meglio questa somministrazione come  trasporto, stoccaggio, formazione e la promozione della cultura della sicurezza tra gli operatori sanitari. Il personale indossa camici idonei, occhiali e guanti, e lavora in strutture specialistiche e appositamente formate per questa distribuzione.

Denunce spesso inutili

Fermo restando che, come dicono gli esperti al convegno sopra citato, “il farmacista ospedaliero costituisce una figura professionale centrale in quanto la sua competenza contribuisce alla prevenzione di errori in tutto il processo di gestione dei farmaci antineoplastici”, il personale italiano viene sottoposto a diversi corsi di formazione periodica e dunque è preparato ed efficiente. Anche gli errori medici di altro genere (chirurgico, diagnostico, pratico) sono in realtà meno di quanto percepiamo, anche perché molto spesso si “denuncia” per banalità assolute che non vengono nemmeno prese in considerazione dalla polizia! C’è differenza tra denunciare l’errore di un chirurgo che asporta un rene sano lasciando in corpo quello malato di tumore … e denunciare un medico perché non ha salvato la vita al nonno di 98 anni malato terminale di cancro! Bisogna saper accettare che non tutti i decessi sono per errore medico, che esiste anche il “decesso per cause naturali”  e che i medici italiani sono bravissimi, anche se non fanno miracoli.

Grazia Musumeci

Sicilianissima, vivo ai piedi dell'Etna e lavoro dal 1999 sia come traduttrice che come blogger. Le mie passioni, oltre la scrittura, sono la fotografia e la montagna.
x

Guarda anche

Dati falsati per “finire il turno prima”: bimbo nasce con gravi danni

La Procura di Catania sta indagando, e ha già posto in stato di fermo, due ...

Condividi con un amico