Home » Benessere » Gli trapiantarono il pene, oggi diventa papà

Gli trapiantarono il pene, oggi diventa papà

Due anni fa, all’università sudafricana di Stellebosch, è stato eseguito un trapianto molto particolare. Un giovane uomo di 21 anni, il cui organo sessuale era rimasto devastato a seguito di una circoncisione mal riuscita, ed era stato dunque amputato, aveva ricevuto un trapianto di pene da un donatore deceduto in un incidente. Era forse la prima volta al mondo che un trapianto del genere veniva effettuato e bisognava valutare molti fattori importanti.

Funzionerà come prima?

Per un uomo il pene è un organo importantissimo, sia che voglia diventare padre o meno. E’ l’organo che fa capire l’attrazione sessuale, che permette un rapporto sessuale in piena regola, e poi… anche psicologicamente… l’uomo ha con la propria “appendice” sessuale un rapporto anche affettivo unico! Nel caso del ragazzo sudafricano, prima l’infezione devastante e poi l’amputazione avevano interrotto tutta una serie di stimoli e sensazioni psicologiche difficili da recuperare. Il trapianto poteva ridonare speranza e tutti si auguravano che così fosse, che funzionasse tutto bene come prima. Oggi si può dire che la realtà ha superato ogni rosea aspettativa.

Il paziente sarà padre

Il calvario di questo giovane paziente era iniziato molto tempo fa. Dopo l’amputazione, infatti, aveva subito tentato di riavere un pene nuovo e il primo intervento eseguito in Cina era andato male. La delusione e le sofferenze sopportate inutilmente avevano quasi fatto perdere le speranze al ragazzo il quale però ha voluto comunque sottoporsi a un nuovo tentativo, stavolta in patria. Nel frattempo erano migliorate le tecniche e anche la chirurgia non era eccessivamente pesante da tollerare. Il risultato è stato che oggi, quel ragazzo, sta per diventare padre quindi il pene nuovo ha funzionato in tutto e per tutto! I medici però ricordano che questo tipo di operazione viene fatto per aiutare persone con gravi problemi, sicuramente non viene consigliata per meri motivi estetici. Non ancora per lo meno.

Grazia Musumeci

Sicilianissima, vivo ai piedi dell'Etna e lavoro dal 1999 sia come traduttrice che come blogger. Le mie passioni, oltre la scrittura, sono la fotografia e la montagna.
x

Guarda anche

Dati falsati per “finire il turno prima”: bimbo nasce con gravi danni

La Procura di Catania sta indagando, e ha già posto in stato di fermo, due ...

Condividi con un amico