Home » Benessere » Roma, a lezione di rianimazione

Roma, a lezione di rianimazione

Si è svolta ieri, presso la hall principale del Policlinico Agostino Gemelli di Roma, una vera e propria “lezione di massa” sulle tecniche di rianimazione cardio-polmonare. Il tutto avviene nell’ambito del progetto “Viva! Settimana della Rianimazione” con lo scopo di educare chi potrebbe o dovrebbe trovarsi ad usare un defibrillatore nel corso della propria vita. E non solo.

Anche nelle scuole

La Buona Scuola, tra le altre cose, ha imposto agli istituti scolastici la presenza di defibrillatori negli ambienti e ovviamente la capacità di usarli. Inutile avere un oggetto simile a portata di mano se nessuno è in grado di manovrarlo o di conoscere la rianimazione del cuore e dei polmoni. Il pubblico che ha usufruito della lezione al Gemelli era costituito in grandissima parte proprio da giovani studenti, perché a loro è indirizzato in prima versione, ma l’evento era aperto a tutti perché tutti noi dovremmo sapere come comportarci in certe situazioni. Alla fine della lezione si è svolto il lato pratico, una sorta di “gara” per mettere a frutto gli insegnamenti ascoltati ed è stato premiato il “miglior soccorritore”.

In Europa e in Italia

In Europa, come al solito, molti Paesi sono anni luce avanti all’Italia. In Germania, Svezia, Francia … qualsiasi passante, qualsiasi studente delle medie è in grado di intervenire su una persona con attacco cardiaco o di usare un defibrillatore in un locale pubblico. La rianimazione cardiopolmonare avviene con alcune semplici mosse delle mani. Spiegata in modo abbastanza superficiale, si fa pressione sullo sterno a mani unite mentre si alterna una insufflazione d’aria tramite la bocca della vittima. Il ritmo è 1 soffio ogni 4 pressioni oppure 2 soffi ogni 8/12 pressioni. In Italia buona parte delle persone non ha mai nemmeno letto i cartelli informativi che vengono appesi negli uffici e nelle palestre dove tutte queste manovre sono illustrate. E molti studenti frequentano i Corsi per Soccorritori solo per ottenere crediti, senza mai davvero ascoltare. Sarebbe invece prezioso che si imparasse davvero. Si potrebbero salvare vite umane… anche quella di un amico o un genitore.

 

Grazia Musumeci

Sicilianissima, vivo ai piedi dell'Etna e lavoro dal 1999 sia come traduttrice che come blogger. Le mie passioni, oltre la scrittura, sono la fotografia e la montagna.
x

Guarda anche

L’età giusta per diventare mamma? La rivincita delle 40enni

Donne che diventano mamme sempre più avanti negli anni. Secondo una recente indagine dell’European Hospital ...

Condividi con un amico