Home » Benessere » Noelia fa la maestra. Nonostante la sua Sindrome di Down

Noelia fa la maestra. Nonostante la sua Sindrome di Down

noelia-maestra

Noelia Garella è una giovane donna di 31 anni, indipendente, dinamica, di professione maestra elementare. Che c’è di particolare in questo? Nulla, se non che soffre di Sindrome di Down. E’ proprio una di quei soggetti che fino a pochi anni fa venivano ancora chiamati “spastici” o “handicappati”, chiudendo loro in faccia le porte del mondo. E anche lei, Noelia, che vive a Còrdoba in Argentina, si è vista chiudere molte porte in faccia, fin da bambina.

DALL’EMARGINAZIONE ALLA CATTEDRA

Quando aveva 4 anni, l’asilo del suo quartiere non volle iscriverla per via della sua condizione. Poi le scuole elementari, sempre con il marchio di “diversa” in fronte … ma per fortuna la sua famiglia ha fatto cerchio intorno a lei dandole sempre sostegno e positività per affrontare al meglio la vita. Noelia ha completato gli studi e ha superato l’esame per diventare maestra. E per fortuna, nella sua città, ha trovato un sindaco e un assessore all’istruzione intelligenti che hanno capito il valore di tanto sacrificio e le hanno affidato una classe di bambini, realizzando il suo sogno professionale. E realizzando un record. Noelia, infatti, è la prima maestra con Sindrome di Down al mondo.

C’E’ “DOWN  E  DOWN”

“Noelia ha una vocazione fortissima e con i bambini sta bene” ha detto la preside della sua scuola. E lei, da parte sua, replica “Mi piace stare con loro e i genitori mi adorano!” ed è vero, perché questa ragazza speciale sa trasformarsi in una bambina quando le viene richiesto ma sa anche comunicare saggiamente con gli adulti se deve farlo. Il modo migliore per essere una maestra. Il modo migliore per combattere i pregiudizi. E’ pur vero che non tutte le persone con Sindrome di Down possono raggiungere certi risultati. La sindrome ha diversi livelli di gravità e se ci sono alcuni soggetti che possono essere formati a una vita adulta indipendente, altri avranno sempre bisogno di assistenza. L’importante è non fare di tutta l’erba un fascio e non dare per scontati, o per spacciati, questi ragazzi fin dalla nascita.

Grazia Musumeci

Sicilianissima, vivo ai piedi dell'Etna e lavoro dal 1999 sia come traduttrice che come blogger. Le mie passioni, oltre la scrittura, sono la fotografia e la montagna.
x

Guarda anche

eiaculazione-problema

Sesso: come curare l’eiaculazione precoce in modo naturale

L’eiaculazione precoce è un problema di molti uomini, non soltanto giovani! E’ un disturbo che ...

Condividi con un amico