Home » Benessere » Depressione, male del secolo: ecco 10 modi per affrontarla

Depressione, male del secolo: ecco 10 modi per affrontarla

Uccide più del cancro e degli infarti, anche se la maggior parte delle volte il paziente continua a vivere fisicamente. La depressione ti toglie il motivo per sorridere, per esistere, per sentirti grato alla vita. E cammini per le strade come un morto, come se fossi invisibile, invisibile a te stesso prima che agli altri. La depressione non è un capriccio né una messa in scena, è una malattia riconosciuta -solo da qualche anno!- e nasce da una vera e propria anomalia del cervello. A volte si innesca per colpa di un trauma, come una perdita, un lutto. Altre volte semplicemente va e viene, per tutta la vita. Tristezza cronica che si aggrava man mano, e che può portare al suicidio senza alcun motivo. Era depresso anche Robin Williams, splendido attore comico che ha fatto ridere generazioni (“Mork&Mindy”, “Mrs Doubtfire”, “Jumanjee”, “L’attimo fuggente”….), ricco, benestante, amato e apprezzato che un giorno di agosto si è impiccato al soffitto di casa sua! La depressione si può, anzi SI DEVE, combattere.

Dieci consigli contro la depressione: per i medici

Per affrontarla alcuni esperti hanno stilato un vero e proprio percorso guidato, un “manuale di istruzioni” per aiutare chi soffre di questo male a vivere. La Società Italiana di Psichiatria le ha presentate nel corso del convegno milanese su “Le Depressioni”. Quattro consigli riguardano i medici, altri sei i pazienti. I medici devono, innanzi tutto, FORMARSI BENE alla conoscenza della malattia che varia da individuo a individuo;  devono INFORMARSI sulla situazione, famiglia e ambiente del paziente in modo da VELOCIZZARE i tempi di diagnosi, ancora troppo lenti. Devono anche imparare a PERCEPIRE IL DISAGIO nei tanti (tantissimi) pazienti che ancora si vergognano a parlarne e che spesso lanciano segnali quasi invisibili.

E per i pazienti

I consigli per chi soffre di depressione sono, primo su tutti, CURARSI BENE DA UNO SPECIALISTA che di solito è lo psicanalista o lo psichiatra. Non abbiate vergogna di andarci, non siete “matti” , è solo che il vostro disagio nasce dalla mente e la chiave per arrivare in profondità la possiede questo tipo di medico. In secondo luogo, una volta ricevuta la cura NON INTERROMPETELA MAI DA SOLI, anche se vi sentite bene e pieni di energia. CONDUCETE UNA VITA SANA, anche a livello fisico e alimentare, perché star bene e in forze aiuta a non deprimersi. DORMITE BENE perché la mancanza di sonno alimenta lo stato di prostrazione e la tristezza. ATTENTI AI CAMBIAMENTI tipo perdita di entusiasmo, perdite di memoria, tristezza immotivata e frequente…. confidatevi con qualcuno, non tenetele per voi. PARLATE! e parlate tanto, con persone che possano capirvi e ascoltarvi, siano essi familiari, amici, maestri, o anche soltanto vicini di casa abbastanza sensibili da aiutarvi a sfogare un dolore che per voi è immenso, anche se dall’esterno può apparire inesistente.

Grazia Musumeci

Sicilianissima, vivo ai piedi dell'Etna e lavoro dal 1999 sia come traduttrice che come blogger. Le mie passioni, oltre la scrittura, sono la fotografia e la montagna.
x

Guarda anche

Ecco perché gli sbalzi termici ci fanno star male

Succede molto più spesso di quel che pensiamo, soprattutto d’estate. Beviamo acqua gelata per combattere ...

Condividi con un amico