Home » Benessere » Pronto Soccorso? Ecco i migliori d’Italia

Pronto Soccorso? Ecco i migliori d’Italia

Dove andreste se poteste scegliere il Pronto Soccorso migliore? Una domanda inutile, in realtà, perché in  piena emergenza e rischio di morte è la vicinanza al luogo in cui si vive la cosa più importante. Migliore o peggiore, se avete un infarto in corso, o un’appendicite acuta, andate al Pronto Soccorso sotto casa per salvarvi. Ma le classifiche aiutano a capire, in ogni caso, come si lavora negli ospedali italiani in fatto di emergenza e la ricerca pubblicata da Agenas ha mostrato alcune novità strane e interessanti. Per valutare la validità di un Pronto Soccorso si sono tenute in considerazione tre caratteristiche: il tipo di accessi registrati (sono codici bianchi, cioè non gravi, oppure rossi, ovvero a rischio della vita?); la funzionalità del triage, ovvero della suddivisione in base alla gravità; la permanenza in attesa di ricovero. La media normale, secondo gli standard internazionali, non dovrebbe superare le 6 ore. In Italia spesso si superano le 24 ore di permanenza, a volte anche dimenticati in corridoio… e non parliamo di ospedali di provincia ma di strutture importanti e grandi della capitale, di Torino e di Milano.

Quali sono i migliori

Per decidere quale Pronto Soccorso lavora davvero bene bisogna valutare molti fatti e sotto molti punti di vista. Al di là dell’attesa, che conta sempre tanto, bisogna capire il numero di persone che entra ed esce ogni giorno e con che codice. Ovviamente se in un piccolo Pronto Soccorso di provincia entrano quasi solo “codici bianchi” i dati parlano di guarigioni assicurate e dunque la qualità sale. Ma la stessa piccola struttura come si comporterebbe con casi di persone in gravi condizioni? Viceversa, se in un Pronto Soccorso i dati parlano di molti decessi, magari è solo perché sono stati trattati più “codici rossi” e in zone periferiche di una metropoli… Insomma, è davvero raro trovare tutti i parametri giusti nel posto giusto. Per questo gli ospedali segnalati da Agenas possono andar fieri di se stessi: come il “Santobono” di Napoli, per esempio, ottima sorpresa di un Sud che funziona, dove i pazienti hanno tempi di attesa e di assistenza minori di 12 ore al Pronto Soccorso (100.000 accessi in mezza giornata)!  Bene anche il Sant’Eugenio di Roma, il Sant’Elia di Caltanissetta, Careggi di Firenze, Molinette di Torino e Borromeo di Milano.

Lo strano caso del Pronto Soccorso di Catania

Un caso un po’ curioso viene citato riguardo all’ospedale Garibaldi di Catania. Secondo i dati registrati, questo ospedale spicca tra i migliori per il trattamento dei casi di “codice rosso”, nel senso che un paziente su cinque che arriva qui in condizioni disperate viene assistito, curato e salvato in poche ore. Sebbene questo faccia onore all’ospedale catanese, Agenas si domanda come sia possibile avere tanti casi di “codice rosso” concentrati in così poco spazio e tempo e si è anche pensato a valutazioni sbagliate in eccesso. Se però le ricerche verificheranno che tutti i casi gravi erano veramente gravi, e sono stati tutti trattati prontamente, il Garibaldi ne uscirebbe sicuramente con una prestigiosa denominazione di uno dei Pronto Soccorso più efficienti del meridione.

Grazia Musumeci

Sicilianissima, vivo ai piedi dell'Etna e lavoro dal 1999 sia come traduttrice che come blogger. Le mie passioni, oltre la scrittura, sono la fotografia e la montagna.
x

Guarda anche

L’età giusta per diventare mamma? La rivincita delle 40enni

Donne che diventano mamme sempre più avanti negli anni. Secondo una recente indagine dell’European Hospital ...

Condividi con un amico