Home » Benessere » Influenza? Ecco 7 posti dove il rischio di prenderla è alto

Influenza? Ecco 7 posti dove il rischio di prenderla è alto

influenza-paura-italiani

Quanto è contagiosa l’influenza e dove è più facile prenderla? Chiedetelo agli italiani… i più ossessionati dal contagio in Europa. Lo rivela una ricerca condotta da alcuni marchi pubblicitari famosi (Tena, Nuvenia, Tork, DemakUp) in tutto il continente europeo con circa 12.000 intervistati su 12 Paesi, Italia inclusa ovviamente. E i risultati hanno dimostrato non solo che la disinformazione è ancora molto alta, ma che spesso le persone confondono i batteri con i virus (sono questi ultimi che causano l’influenza). E soprattutto, c’è molta paura ma poca fiducia nella scienza, in giro, in particolare in Italia dove le persone temono la scarsa igiene quanto gli spagnoli. Soltanto al terzo posto i russi (19%), seguiti da inglesi(16%), francesi (14%), tedeschi (10%) e svedesi (9%).

Igiene e influenza

E’ vero che una buona cura dell’igiene personale e di casa tiene lontana l’influenza, nel senso che lavarsi spesso le mani dopo essere stati fuori, evitare di toccare naso e bocca dopo aver preso i mezzi e così via, aiuta moltissimo a frenare il contagio. Ma parliamo sempre di contagio da virus! I batteri (che causano certamente altre malattie) non c’entrano niente con l’influenza. Dunque l’igiene va bene, purché non diventi ossessione. E’ infatti provato che chi ha una cura maniacale dell’igiene (mai far giocare i bambini sul pavimento, mai entrare in casa con le scarpe, disinfettare sempre ogni superficie) è più esposto alle malattie proprio perché il corpo non ha mai conosciuto i micro organismi da cui deve difendersi. Puliti sì, ma non asettici! Altrimenti non ci sarà mai difesa.

Sette posti a rischio contagio

Sono proprio gli intervistati italiani, maniaci dell’igiene, a indicare 7 posti ad elevato rischio di contagio per l’influenza. Il primo, secondo la teoria comune, è il bagno pubblico (i bagni dei supermercati, dei bar, dei benzinai, ma anche di scuole e uffici) con un 76% di persone che lo indica come luogo “off limits” soprattutto in tempi di influenza. Al secondo posto, da evitare assolutamente i mezzi pubblici, oppure prendere le dovute cautele dopo averli usati (Amukina in tasca!). Gli ospedali, stranamente, per gli italiani sono il terzo luogo da alto contagio, seguito a ruota dal quarto (la palestra) e dal quinto posto (i ristoranti).  Sesto posto ad alto rischio di contagio dell’influenza è la scuola, mentre all’ultimo posto lo studio medico. Gli ultimi due dati fanno davvero sorridere e confermano la mancanza di informazioni realistiche. Infatti, la scuola è in realtà  IL PRIMO POSTO a rischio contagio, anche ma non solo per via della poca igiene che si ritrova tra i ragazzini. Ed è proprio per questo che il vaccino anti influenzale va fatto ai bambini, “mezzo” di contagio più rapido e diffuso al mondo. Altro che bagni pubblici…  ! Grazie alla ricerca “Hygiene Matters” 2016 – la quinta consecutiva commissionata dalla SCA per promuovere il tema a livello mondiale- conosciamo anche il livello di informazione presente nel nostro Paese sull’influenza e i modi per evitarla. Lo scopo della ricerca è quello di  educare e facilitare l’adozione di prodotti e misure che favoriscano il miglioramento delle condizioni igieniche e degli standard di salute nel mondo, cosa che a quanto pare in Italia è più necessaria che mai.

Grazia Musumeci

Sicilianissima, vivo ai piedi dell'Etna e lavoro dal 1999 sia come traduttrice che come blogger. Le mie passioni, oltre la scrittura, sono la fotografia e la montagna.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

x

Guarda anche

tennis-sport-vita

Come vivere bene a lungo? Giocando a tennis

Credevate che il segreto della lunga vita fosse nel Santo Graal, nella piscina di Cocoon, ...

Condividi con un amico