Home » Benessere » Psicosi meningite: gli italiani riscoprono i vaccini

Psicosi meningite: gli italiani riscoprono i vaccini

Tanto poté la meningite… o meglio, la psicosi seminata da un tam tam di notizie allarmistiche non sempre veritiere. Gli italiani fanno la coda per vaccinarsi, vogliono vaccinarsi, riscoprono i vaccini e non ne hanno più paura. Le notizie che arrivano in questi giorni dai laboratori e dai centri medici sono tutte identiche: lunghe file per richiedere la vaccinazione anti meningite. E dire che l’Italia era il Paese del “niente vaccino che fa venire l’autismo”, oppure del “io mio figlio non lo vaccino”. Adesso qualcosa è cambiato.

Si torna a vaccinare

La meningite è un fenomeno che ha interessato in modo importante la Toscana dove da quasi due anni i focolai si ripetono, sebbene in una zona ben precisa, compresa tra Pisa, Grosseto e Firenze. La particolarità di questa serie di contagi ha reso la notizia virale, a livello nazionale, e questo ha fatto sì che qualsiasi caso di meningite in giro per l’Italia fosse denunciato. Da qui il rincorrersi di notizie che fanno sembrare che sia in atto una vera e propria epidemia, mentre gli esperti assicurano che i casi ad oggi verificati sono nella media annuale tipica degli attacchi di meningite. Ma adesso che sono disponibili enormi scorte di vaccini, la gente vuole difendersi anche se l’allarme non è alto. Così si torna a credere nella scienza.

Vaccino sì, ma niente psicosi

E’ una cosa buona che gli italiani stiano riscoprendo i vaccini e che tanta gente abbia deciso di proteggersi dalla meningite (che tuttavia si diffonde più facilmente tra bambini e adolescenti). I vaccini non fanno mai male e proteggersi è sempre la scelta migliore. Si spera che la stessa logica si applichi adesso per i vaccini contro il morbillo, la varicella, la rosolia, la polio, per i vaccini anti influenzali. Bisogna vaccinarsi perché ci si fida del progresso, non per una psicosi creata ad arte che si esaurisce in pochi mesi. La meningite passerà, ma i vaccini rimangono: USIAMOLI.

Grazia Musumeci

Sicilianissima, vivo ai piedi dell'Etna e lavoro dal 1999 sia come traduttrice che come blogger. Le mie passioni, oltre la scrittura, sono la fotografia e la montagna.
x

Guarda anche

Ecco come curarsi con un po’ d’alcol al giorno

Birra e vino all’indice del male! Li accusano di tutto, e non sempre a torto, ...

Condividi con un amico