Home » Benessere » Al via la “Settimana del Cervello”

Al via la “Settimana del Cervello”

Pensiamoci. Possiamo farlo. E possiamo farlo perché … abbiamo un cervello. Proprio a questo importantissimo organo è dedicata questa settimana, la SETTIMANA DEL CERVELLO che dal 16 marzo fino al 23 vedrà numerosi eventi non soltanto informativi in tutta Italia. Questo grande ammasso di cellule, che tramite le connessioni e le pulsioni elettriche ci consente di pensare, agire, muoverci e anche provare sensazioni ed eccitazione, è uno dei motori fondamentali della vita. Conoscerlo è importante… “usarlo” ancora di più.

Gli eventi

Per citarne alcuni, a Siena si svolgerà l’incontro “La memoria: dalla mitologia alle neuroscienze”, che vedrà come relatore il professor Maurizio Bettini autore del libro “A che servono i Greci e i Romani?”. Si parlerà anche di disturbi della memoria in una piece teatrale dal titolo: “Giorni senza luna”, scritta in collaborazione con i pazienti e il personale medico del Dipartimento di Scienze Mediche Chirurgiche e Neuroscienze dell’Università di Siena. Venerdì 17 marzo poesie e musica nell’evento “Musica, poesia e neuroscienze”, con la partecipazione del poeta, saggista e scrittore Elio Pecora. Altri eventi ancora: in Sicilia, almeno 20 città parteciperanno all’evento e tra le varie iniziative ricordiamo i laboratori interattivi organizzati dal Dipartimento di Scienze Cognitive, Psicologiche, Pedagogiche e degli Studi Culturali dell’Università di Messina, oltre a screening della memoria per adulti e consulenze professionali sulla depressione, e la cefalea da stress. Al nord, per la prima volta la città di La Spezia prende parte alla “Settimana del Cervello” con laboratori interattivi, screening, mostre, dibattiti, e visite nei centri della miglior ricerca neuroscientifica.

In aiuto della ricerca

Una settimana come questa non è organizzata solo per informare e sensibilizzare la gente ma anche per ricordare, a tutti noi, come la ricerca faccia e abbia fatto progressi incredibili proprio nello studio del cervello. Tante altre cose sono ancora da fare, e occorre l’aiuto di tutti perché i nostri scienziati trovino finanziamenti e strumenti per andare avanti. Col cervello non si scherza, proteggerlo, aiutare a curarlo dovrebbe essere la missione di tutti. Ed educare al cervello, fin da giovanissimi (dormire 8 ore per notte, ragionare, leggere e pensare) dovrebbe essere la missione dei genitori.

Grazia Musumeci

Sicilianissima, vivo ai piedi dell'Etna e lavoro dal 1999 sia come traduttrice che come blogger. Le mie passioni, oltre la scrittura, sono la fotografia e la montagna.
x

Guarda anche

Ecco perché gridare “Ahi !!” fa bene alla salute

Due università, una a Singapore e una in Spagna, hanno di recente rispolverato la tortura… ...

Condividi con un amico