Home » Benessere » Settimana oncologica, con testimonial d’eccezione

Settimana oncologica, con testimonial d’eccezione

Ancora un evento per ricordarci quanto è importante la nostra salute. Ancora un evento che ci informa e ci consiglia su come affrontare il tema del secolo: il cancro. Malattia ormai sempre più sotto controllo ma ancora mortale, in quanto milioni sono le sue sfaccettature sul panorama scientifico e non per tutte esistono le cure. La Settimana Oncologica che si è aperta ieri, sabato 18 marzo e andrà avanti fino al 26, utilizzerà anche volti noti per trasmettere il messaggio che la LILT (Lega Italiana Lotta ai Tumori) vuole far arrivare lontano.

Il campione e lo chef

I volti sono quelli di Francesco Totti, grande campione di calcio e capitano storico della Roma e di  Massimo Bottura, chef 3 stelle Michelin per il 2016. Il perchè è presto detto: per contrastare il rischio del cancro occorrono, soprattutto, sana alimentazione e movimento costante quotidiano. Il corpo sano e forte, che si nutre bene e che non si lascia andare a pigrizia e grasso, sa difendersi bene contro l’attacco del cancro. E se per caso dovesse venirne colpito, sa lottare per guarire… come dimostrano Lance Armstrong e altri campioni sportivi. Con lo hashtag #vividafuoriclasse si rimanda ai video con i messaggi dei due testimonial, uno diretto all’importanza dello sport e l’altro concentrato sulla sana alimentazione. E noi in Italia siamo fortunati perché la “cura” l’abbiamo nel frigo.

La dieta mediterranea

La nostra alimentazione tradizionale, la famosa “dieta mediterranea”, è infatti quella indicata dai massimi esperti mondiali di oncologia come cura preventiva migliore contro i tumori. Il nostro prediligere frutta, verdura, carni bianche e pesce a tavola, il nostro insistere con i “dolci della nonna” invece che con quelli delle catene commerciali garantisce l’assunzione di vitamine e proteine sane e controllate. Il 35% dei tumori è causato da un’alimentazione scorretta e dalla conseguente obesità. Certamente dieta e ginnastica non fanno miracoli, dato che il cancro ha anche fattori ereditari e ambientali (inquinamento), ma sono aiuti preziosi ai quali non si dovrebbe rinunciare.

Grazia Musumeci

Sicilianissima, vivo ai piedi dell'Etna e lavoro dal 1999 sia come traduttrice che come blogger. Le mie passioni, oltre la scrittura, sono la fotografia e la montagna.
x

Guarda anche

Cosa mangiare se si ha la psoriasi?

In Italia soffrono di psoriasi due milioni di persone, in maniera più o meno grave ...

Condividi con un amico