Home » Benessere » Come affrontare la Couperose in estate

Come affrontare la Couperose in estate

Un tempo, le donne si pizzicavano le guance per rompere i capillari e dare al viso quel tenero rossore … . Oggi questa moda aggressiva è per fortuna sostituita dal fard e non ci si rovina più le guance per apparire più belle. Ma ci sono donne che quel problema di capillari rotti continuano ad averlo. Per loro il fard non serve, e tuttavia ciò non è un vantaggio ma un problema da curare. O da prevenire. Si chiama COUPEROSE. 

Le cause

La couperose è una dilatazione delle venuzze del viso che risultano quindi molto evidenti sotto la pelle. Alcune di queste si rompono evidenziando macchie ancor più rosse, sempre sottopelle. Le cause sono diverse, una su tutte il fattore ereditario (se la madre ha la couperose i figli potrebbero ereditarla), ma anche fattori ambientali: il passaggio da freddo a caldo a di nuovo freddo, per esempio, come avviene spesso nei Paesi nordici dove la gente passa da case super riscaldate all’esterno gelido; l’abuso di cibi piccanti; l’abitudine a consumare alcolici; l’esposizione al sole senza adeguata protezione. Le persone che soffrono di couperose hanno le guance perennemente rosse, un po’ come la piccola “Heidi” dei cartoni, o come l’attrice Renee Zellweger interprete del fortunato “Bridget Jones” (foto).

Prevenire e curare, soprattutto in estate

Per prevenire la couperose, se avete casi in famiglia, dovete abituarvi a una dieta ricchissima di flavonoidi, in quanto questi aiutano la microcircolazione: frutti di bosco come mirtillil, gelsi, fragole ad esempio. E poi portare sempre in borsa una sciarpa e una crema solare alta protezione: con la prima vi proteggete dagli sbalzi di temperatura, con la seconda dal sole nelle giornate calde. Se già avete il problema, potete sempre curarlo per limitarne i sintomi (ma difficilmente la couperose guarisce del tutto):  esistono dei trattamenti cosmetici a base di gel rinforzanti ed elasticizzanti, i trattamenti laser o a luce pulsata, o ancora la radiofrequenza localizzata che colpisce le venuzze con micro onde che tendono a restingerle. Bisogna pensare adesso a tutto questo, perché con l’arrivo dell’estate la couperose tende a peggiorare e non si tiene facilmente sotto controllo.

Grazia Musumeci

Sicilianissima, vivo ai piedi dell'Etna e lavoro dal 1999 sia come traduttrice che come blogger. Le mie passioni, oltre la scrittura, sono la fotografia e la montagna.
x

Guarda anche

Come smettere di mangiarsi le unghie

Per alcuni è proprio una necessità … un modo per calmare i nervi, per ritrovare ...

Condividi con un amico