Home » Benessere » Meditazione 2.0: la medicina del futuro

Meditazione 2.0: la medicina del futuro

Evening wonders.

Per alcuni è il rosario, per altri la meditazione zen, per altri ancora la più laica “mindfulness”, ma in succo – per tutti- si tratta di meditazione. Un momento, o dieci minuti, di raccoglimento profondo in cui ci si concentra sul proprio “io” grazie anche all’aiuto di parole rituali oppure soltanto grazie al silenzio e si rilassa il corpo e lo spirito. E’ questa la “medicina” del XXI secolo, come dimostrano sempre più ricerche scientifiche… non ultima quella condotta dall’americana Thomas Jefferson University .

Una settimana a meditare

Lo studio americano ha voluto analizzare  14 fedeli di religione cristiana, di età compresa tra i 24 e i 76 anni, che hanno accettato di abbandonare i loro riti usuali per rinchiudersi una settimana in un centro con una guida spirituale (dalla fede non meglio precisata) che li ha abituati alla meditazione. Alla fine del test, tutti hanno dichiarato di aver avuto numerosi benefici fisici e mentali. La parte religiosa è stata completata da una parte scientifica che consisteva in prove di ragionamento per analizzare la velocità delle connessioni neuronali e che dopo la meditazione le informazioni viaggiavano ugualmente veloci ma con meno sforzo da parte del cervello. Il che suona strano perché più il cervello trasmette più dovrebbe lavorare… invece non è così. Motivo per cui lo studio proseguirà in cerca di ulteriori risposte.

Guarisce corpo e mente

Al momento la risposta certa è che meditando -da cattolici, buddisti, musulmani o semplicemente seguaci di “mindfulness”- si ottiene un grande beneficio per il cervello di cui gode di conseguenza tutto il corpo. Con una settimana di meditazione si placavano i sintomi della depressione, dell’ansia, miglioravano i disturbi del sonno e quelli alimentari. La bella notizia è che questo benessere non costa niente, perché tutti possiamo meditare da soli anche solo pochi minuti al giorno … e se per forza vi serve una guida, provate con la nuova App per cellulari: MEDITA-ORA. Un po’ futuristica, forse, ma anche la meditazione si adegua ai tempi.

Grazia Musumeci

Sicilianissima, vivo ai piedi dell'Etna e lavoro dal 1999 sia come traduttrice che come blogger. Le mie passioni, oltre la scrittura, sono la fotografia e la montagna.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

x

Guarda anche

Come rimuovere i tatuaggi col “laser intelligente”

“GLORIA TI AMO”, “RIVOLUZIONE SEMPRE”… a volte siamo talmente presi dalle nostre passioni e dai ...

Condividi con un amico