Home » Benessere » Ecco come profumi e deodoranti ci “atrofizzano” il cervello

Ecco come profumi e deodoranti ci “atrofizzano” il cervello

Si chiama NEUROGENESI ed è la capacità del cervello di creare nuovi neuroni, periodicamente, mantenendosi così vivo e giovane. Secondo alcuni studi condotti dal  Neurosciences Institute Cavalier Ottolenghi-Università di Torino, con sede a Orbassano, questa capacità si rafforza grazie all’uso di uno dei nostri sensi… l’olfatto. Per capire questo ci hanno aiutato i delfini, animali che noi amiamo perché “teneri” e che ormai stanno letteralmente invadendo il Mediterraneo, fuggendo da oceani lontani troppo inquinati.

Grazie all’olfatto il cervello ringiovanisce

Di solito crediamo che il cervello cominci a invecchiare dopo i 30 anni e in generale questo è vero. Ma non sappiamo che molti nuovi neuroni vengono generati, nonostante l’invecchiamento, proprio in età adulta. L’utilizzo totale di troppi elementi elettronici, artificiali, chimici e la mancata capacità di usare a fondo i nostri sensi stanno lentamente cancellando questo privilegio, per questo occorre capire come “aiutare” il cervello a produrre neuroni “freschi” che ci aiutano a rimanere svegli e intelligenti anche da grandi. I delfini hanno fatto proprio questo, ci hanno fornito il mezzo per studiare a fondo la “neurogenesi attiva”.

Senza olfatto manca la “neurogenesi”

Gli studi su altri animali, come topi o cavie, ha rivelato che l’olfatto, il sentire e catalogare nuovi odori, stimola il cervello a rinnovarsi. Lo stesso processo si ritrova in molti altri mammiferi, ma non si ritrova nei delfini. I delfini vivono in acqua quindi il loro olfatto è diverso da quello dei terrestri infatti si sviluppa con la eco-localizzazione (una specie di “sonar”) più che col naso. L’analisi sul loro cervello ha evidenziato che la regione della neurogenesi cerebrale  manca del tutto, a conferma che ce l’ha soltanto chi può usare davvero il naso. Insomma noi uomini, come molti mammiferi, abbiamo la possibilità di mantenere giovane il cervello “inseguendo gli odori”. Smettendo di farlo (pensiamo solo all’uso dei deodoranti, profumi, catturaodori che eliminano ogni sentore naturale dal nostro mondo) lasciamo atrofizzare la preziosa “fabbrica di neuroni” che è propria del nostro cervello. E’ un peccato.

Grazia Musumeci

Sicilianissima, vivo ai piedi dell'Etna e lavoro dal 1999 sia come traduttrice che come blogger. Le mie passioni, oltre la scrittura, sono la fotografia e la montagna.
x

Guarda anche

Meningite dalle tartarughe di casa. Succede a Vicenza

Sulla meningite ne abbiamo sentite tante e di tutti i tipi. Sappiamo che esistono diverse ...

Condividi con un amico