Home » Benessere » Tumori: arriva la “molecola killer” italiana che li fermerà

Tumori: arriva la “molecola killer” italiana che li fermerà

La rivista scientifica CANCER CELL la riporta come “un successo” e il merito possiamo davvero godercelo tutto dato che è un successo italiano. La nuova terapia che potrebbe fermare per sempre i tumori viene dall’Università di Padova ed è il risultato di un lavoro che dura ormai da anni. I ricercatori italiani sono riusciti a sintetizzare per la prima volta delle molecole nuove in grado di causare  l’alterazione della funzioni dei mitocondri, le centrali energetiche delle cellule. In parole povere, tolgono ossigeno alle cellule facendole morire di stress ossidativo.

Molecole “con licenza di uccidere”

Delle vere e proprie “molecole killer” addestrate per uccidere ma anche per riconoscere il bersaglio da abbattere da quello da risparmiare. Infatti attaccano e uccidono solo le cellule tumorali, risparmiando quelle sane e consentendo al corpo di affrontare la terapia senza sofferenze aggiuntive che potrebbero debilitarlo. Le molecole killer bloccano il canale ionico Kv1.3 mitocondriale, causando un’eccessiva produzione di radicali liberi dell’ossigeno nelle cellule tumorali, un lavoro di precisione che supera i già buoni risultati che si erano ottenuti con le cellule kamikaze di qualche anno fa. Il bello della nuova cura è che vengono sterminate anche quelle cellule che resistono alle chemioterapie, i cosiddetti “tumori che non rispondono alle cure”. Le cellule sane sono risparmiate perché non producono -o producono molto meno- la proteina del canale Kv1.3.

Pronte per i farmaci

Ottimi i risultati fin qui visti in laboratori. Vengono eliminate praticamente del tutto le cellule B della leucemia linfatica, e dagli esami si vede che l’azione è mirata soltanto a questi lasciando perfettamente intatti i linfociti sani. Una volta messa a punto l’azione si dovrà procedere a verificarla su un numero più elevato di soggetti e poi a incanalarla nel processo per produrre i farmaci utili alla diffusione sul mercato. Se davvero va tutto come sembra, si potrebbe seriamente sperare di eliminare il tumore entro pochi anni.

Grazia Musumeci

Sicilianissima, vivo ai piedi dell'Etna e lavoro dal 1999 sia come traduttrice che come blogger. Le mie passioni, oltre la scrittura, sono la fotografia e la montagna.
x

Guarda anche

Ricerca, tablet e ritardo dello sviluppo del linguaggio nei bambini

Quando i tablet rischiano di ritardare lo sviluppo del linguaggio nei più piccoli. Un gruppo ...

Condividi con un amico