Home » Benessere » L’importanza di uno show come “Vite al Limite”

L’importanza di uno show come “Vite al Limite”

In Italia lo trasmette il canale digitale Real Time col titolo VITE AL LIMITE, mentre negli Stati Uniti andava in onda su TLC TV col titolo “My 600-lb life” (letteralmente, la mia vita da 300kg). Protagonisti sono uomini e donne veramente e pericolosamente obesi, dal peso che oscilla sui o sopra i 300 kg, dunque sicuramente in una situazione patologica, che per provare a dimagrire si affidano alle cure del chirurgo texano Younan Nowzaradan (foto), che lavora a Houston e ha già salvato la vita a migliaia di persone. Il dottore in questione non fa miracoli, né li promette. E’ un semplice chirurgo che asporta parti di grasso o parti di stomaco, riducendo così la capienza e l’appetito dei pazienti. Dunque in cosa sta lo straordinario?

Perdere 100 kg in un anno

Un po’ nel modo in cui è condotta la trasmissione. I pazienti non devono raggiungere risultati grandiosi a tutti i costi, non c’è un “prima ciccione e dopo super-sexy”, ognuno deve perdere i chili giusti in base al suo peso. Per chi arriva a sfiorare i 300 kg, arrivare a 190 kg di peso è una vittoria storica e in molti casi anche una salvezza della vita. Certo, chi pesa al massimo 70kg continuerà a pensare che una persona di 190kg è un obeso, e in realtà lo è, ma se quella stessa persona prima pesava 100 chili di più diventa un eroe, un uomo o una donna in gamba che ha saputo lottare per la propria vita.

Invita ad aver cura della salute

La trasmissione non punta ai miracoli, né alla bellezza, né allo spettacolo … segue persone vere che affrontano cure vere e li vede arrivare al punto migliore del loro tentativo. Non sappiamo se in seguito hanno continuato la dieta e sono dimagriti ancora, ma sappiamo che sanno lottare. Provate a guardarlo, perché anche se pesate solo due o tre chili più del vostro peso forma questo programma vi farà venir voglia di mangiar sano e di tenere sotto controllo peso e salute. Se ce l’ha fatta il tipo che pesava 260kg posso farcela anche io che ne peso 80 …. il messaggio è quello. Anche perché il dottor Nowazaradan specifica sempre che prima dell’operazione occorre dimostrare grinta e determinazione a mantenere i progetti e le intenzioni, altrimenti nessun intervento ha successo.

Grazia Musumeci

Sicilianissima, vivo ai piedi dell'Etna e lavoro dal 1999 sia come traduttrice che come blogger. Le mie passioni, oltre la scrittura, sono la fotografia e la montagna.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

x

Guarda anche

Impariamo a proteggerci dal “fegato grasso”

La steatosi (o “fegato grasso”) è una condizione tipica di chi il fegato se lo ...

Condividi con un amico