Home » Benessere » Gemelle in pericolo ma determinate: “Non vogliamo separarci”

Gemelle in pericolo ma determinate: “Non vogliamo separarci”

Lupita e Carmen hanno 16 anni e si sentono molto americane, dato che sono cresciute nel Connecticut nonostante siano nate in Messico. E non dovevano esserci, dato che i dottori messicani avevano dato loro pochi giorni di vita. Anche per questo i genitori sono scappati negli Stati Uniti, per dar loro speranze di vita in più. Perché Lupita e Carmen Andrade sono gemelle siamesi unite dal torace e cresciute da sempre così in perfetta simbiosi, con abitini fatti ad arte per il loro corpo “strano” e abitudini di incredibile tolleranza dato che sono costrette a fare insieme tutto, anche se a una delle due non va cosa fa la sorella. Una vita difficile, “mostruosa” per tutti, ma non per loro. Al punto che oggi che sono grandi e possono esprimere un’opinione rifiutano di essere separate.

Se una dovesse morire

Il problema è che proprio la loro condizione di unione ha causato a una delle due una scoliosi grave che schiaccia i polmoni. Se non verrà separata dalla sorella morirà e di conseguenza morirebbe anche l’altra. Nonostante siano unite per più di metà del corpo hanno organi perfettamente separati, dunque la divisione sarebbe possibile e opportuna ma loro non vogliono sentire ragioni! Ormai hanno imparato a gestire la vita così, ognuna con “il suo lato”. Una fa funzionare il destro e l’altra il sinistro, una conduce meglio in una direzione l’altra nell’altra direzione. Separarsi vorrebbe dire per loro ricominciare a camminare (tra l’altro con protesi agli arti mancanti), a muoversi, tornare indietro agli anni del gattonamento!

Grazia Musumeci

Sicilianissima, vivo ai piedi dell'Etna e lavoro dal 1999 sia come traduttrice che come blogger. Le mie passioni, oltre la scrittura, sono la fotografia e la montagna.
x

Guarda anche

Ritrovarsi (vivi) dopo il tumore. La storia che commuove il web

Tra tante notizie di guerra, minacce, pestaggi e femminicidio… ogni tanto ci vuole qualcosa che ...

Condividi con un amico