Home » Benessere » Oggi la Giornata Mondiale della Meningite. Che si vince così

Oggi la Giornata Mondiale della Meningite. Che si vince così

In Italia ormai l’allarme è quotidiano sebbene poi raramente a quei casi seguano “contagi”, il che ci fa capire che non si tratta di una epidemia ma solo della casualità con cui questa malattia, la meningite, colpisce. Di tutte le forme di meningite quelle mortali sono davvero poche, per questo non c’è da far drammi ma è giusto comunque proteggersi e prevenire. Oggi 24 aprile -per volontà della Confederazione delle Organizzazioni della Meningite (Confederation of Meningitis Organisations CoMO) che riunisce 43 Organizzazioni in 28 paesi del mondo-  si celebra la Giornata Mondiale della Meningite. E la meningite si può vincere.

Il vaccino vince la meningite

La forma di meningite più diffusa è quella batterica ma di questa solo alcune sono gravi e mortali. E anche queste si possono vincere se diagnosticate per tempo, per cui ad ogni minimo sospetto è bene ricorrere al Pronto Soccorso. In particolare se persistono vomito, dolori di testa lancinanti, febbre e soprattutto RIGIDITA’ DEL COLLO. Ci può aiutare moltissimo la vaccinazione che ormai anche in Italia è aperta a tutti. Chi si vaccina può essere protetto totalmente contro la malattia oppure può ammalarsi, ma con conseguenze meno gravi. Rarissimi i casi di persone sulle quali il vaccino non ha alcun effetto. In Italia  “le vaccinazioni antimeningococco sono tutte inserite nel nuovo Calendario vaccinale, fino al 2019 incluso!” Non ci sono più scuse, insomma. La meningite si vince, se lo vogliamo! La vaccinazione anti meningococcoB si deve fare ai  bambini nel corso del 1° anno di vita (3 dosi al 3°, 4° 6° mese di vita e 1 richiamo al 13° mese) ; quella contro meningococco C va fatta ai bambini che abbiano compiuto un anno di età (1 dose al 13°-15° mese); il vaccino tetravalente è per tutti, dall’adolescenza in poi, ed è un richiamo per chi è stato vaccinato da piccolo e una protezione per chi non lo è stato mai.

 

Grazia Musumeci

Sicilianissima, vivo ai piedi dell'Etna e lavoro dal 1999 sia come traduttrice che come blogger. Le mie passioni, oltre la scrittura, sono la fotografia e la montagna.
x

Guarda anche

Ecco perché l’orgasmo è una “bella malattia”

L’orgasmo? Chi non farebbe i salti mortali per provarlo, come si deve, almeno una volta ...

Condividi con un amico