Home » Benessere » Vaccino anti malaria: dal 2018 una realtà

Vaccino anti malaria: dal 2018 una realtà

La ricerca ha continuato a lavorare per 30 anni, nonostante si credesse ormai che la malaria fosse sparita o riguardasse pochi Paesi sfortunati. Oggi che invece è tornata a far paura ci troviamo preparati grazie a chi non si è mai arreso e non l’ha sottovalutata. Sarà pronto per il 2018 il primo vaccino anti malaria che verrà testato in Africa, precisamente in Ghana, Kenya e Malawi. Qui la OMS sottoporrà a profilassi preventiva 750.000 bambini minori di un anno di età.

Eviterà milioni di casi l’anno

L’annuncio non a caso arriva oggi, che è il Giorno Mondiale della Malaria anche se nessuno quasi ci fa caso. Un test importante questo che si prepara per il prossimo anno e non solo perché potrebbe fermare un crescendo che ha portato nel solo 2015 a quasi 212 milioni di nuovi casi (420.000 morti) ma anche perché avrà un ottimo rapporto costi-benefici. “La protezione è intorno al 40%” – dice uno dei ricercatori che ha lavorato al progetto, Lapinet – “ma va considerato anche l’effetto importantissimo di riduzione dei casi più gravi e delle ospedalizzazioni, perché può essere somministrato senza problemi anche a bambini già malati”.

Quattro dosi

Il vaccino da solo però non protegge a 360 gradi. Occorre usarlo insieme ad altre precauzioni importanti contro la malaria come le zanzariere trattate e i trattamenti preventivi stagionali. La distribuzione della medicina sperimentale avverrà in 4 fasi equivalenti ad altrettante dosi:  per i primi 3 mesi verrà somministrato una volta al mese, poi una ultima puntura dopo 18 mesi.  Ghana, Kenya e Malawi sono tre Paesi che registrano fin troppi decessi dovuti alla puntura della zanzara Anopheles e per questo sono stati scelti come banco di prova di un vaccino che -seppure dovesse “andar male”- qui almeno salverebbe metà della popolazione al di sotto dei 3 anni di età!

Grazia Musumeci

Sicilianissima, vivo ai piedi dell'Etna e lavoro dal 1999 sia come traduttrice che come blogger. Le mie passioni, oltre la scrittura, sono la fotografia e la montagna.
x

Guarda anche

Ritrovarsi (vivi) dopo il tumore. La storia che commuove il web

Tra tante notizie di guerra, minacce, pestaggi e femminicidio… ogni tanto ci vuole qualcosa che ...

Condividi con un amico