Home » Benessere » Ecco perché respirare combatte il dolore

Ecco perché respirare combatte il dolore

Quante volte lo vediamo nei film, spesso rappresentato in modo comico, quel “Respiri! Respiri!” detto alle donne incinte prima di dare la spinta per far nascere il piccolo. Respirare a fondo è una tecnica che di fatto si usa per preparare le donne al parto, e non solo per avere l’energia fisica di affrontarlo anche per lenire il dolore. Respirare aiuta molto contro il dolore perché permette al corpo di rilassarsi e di allentare la tensione.

Respirare come quando si dorme

Uno studio ulteriore, tra i tanti su questo argomento, è quello della  Stanford University School of Medicine  pubblicato sulla rivista “Science”. La ricerca ha portato alla luce la funzione di alcuni neuroni del tronco cerebrale che vengono sollecitati proprio dal respiro e attivano quelle reazioni del cervello che appunto rilassano il corpo. In fondo il nostro respiro porta ossigeno al corpo, ed è lui che regola i suoi bisogni. Quando siamo spaventati e abbiamo bisogno di più energia respiriamo in fretta, quando invece dormiamo respiriamo appena. Per ottenere un rilassamento simile al sonno, quindi occorre rallentare il respiro apposta, con le tecniche che esistono e vengono insegnate alle puerpere e anche ai corsi di yoga.

Rilassamento del corpo

Quando regoliamo il respiro sul lungo e pieno,  circa 60 tipi di cellule neuronali si attivano per rilassare il corpo. Ma solo alcune di queste cellule hanno un’azione diretta e il test condotto sui topi lo ha dimostrato. Eliminate tali cellule, non venivano espressi i marcatori genetici dell’accelerazione respiratoria e il respiro degli animali si faceva automaticamente rilassato, e di conseguenza di rilassava tutto il corpo. Ecco perché è importante la calma, mai come oggi -tempi di stress e di ansia- imparare a respirare (con lo yoga, la meditazione, o anche solo la preparazione fisica) è una terapia anti depressiva migliore di tante medicine.

Grazia Musumeci

Sicilianissima, vivo ai piedi dell'Etna e lavoro dal 1999 sia come traduttrice che come blogger. Le mie passioni, oltre la scrittura, sono la fotografia e la montagna.
x

Guarda anche

Perché si “tiene la mano” a chi sta male?

“Resta qui, ti prego, tienimi la mano!”, oppure “Ma che faccio due ore là? Mica ...

Condividi con un amico