Home » Benessere » Malattie in viaggio 2: attenti all’encefalite giapponese

Malattie in viaggio 2: attenti all’encefalite giapponese

Syringe with drugs for encephalitis treatment

Se state preparando un viaggio in estremo Oriente informatevi e possibilmente vaccinatevi contro la Encefalite Giapponese (EG). Si tratta di una malattia scatenata da un virus animale, presente in polli e maiali, la cui carne è onnipresente nelle tavole del Giappone ma anche di India, Cina, Filippine, Indonesia. Esso viene trasportato da animale a uomo tramite le zanzare che pungono succhiando il sangue delle bestie negli allevamenti diffusissimi in quel continente e infettando con esso anche gli esseri umani.

I non-asiatici più a rischio

Le persone che vivono in Giappone e in Asia si ammalano spesso di questa malattia ma il loro corpo sta ormai sviluppando una certa resistenza, dopo anni di presenza in quei territori, mentre chi arriva da altri continenti e viene infettato può subire la forma più grave (e anche mortale) della patologia. Che si presenta con dolori alla testa, nausea, disturbi della coscienza, febbre e a volte infiammazione delle meningi fino ai casi più estremi con fasi di coma e con il decesso. Ogni anno i contagi in Asia sono intorno a 50.000 con una mortalità variabile, appunto a seconda dei soggetti e delle situazioni (da 1% fino al 60%).

Le cure e il vaccino

Per curare la EG si ricorre a forti terapie antibiotiche e al ricovero ospedaliero, ma si può prevenire grazie ai vaccini che –presenti già dal 2009 in Italia e nell’Unione Europea- sono ricavati dal   ceppo SA14-14-2 della malattia. Si somministra agli adulti (due dosi, una il giorno dei primi sintomi e l’altra dopo 27 giorni) ma non nei bambini perché la relativa scarsità di dati sugli effetti in età pediatrica rende pericoloso tentare i test sui piccoli. Si può somministrare sottopelle o intramuscolo, ma il primo metodo ha fatto registrare alcune risposte scarse al vaccino per cui è più sicuro inocularlo dentro i muscoli.

Grazia Musumeci

Sicilianissima, vivo ai piedi dell'Etna e lavoro dal 1999 sia come traduttrice che come blogger. Le mie passioni, oltre la scrittura, sono la fotografia e la montagna.
x

Guarda anche

Influenza: ecco come sarà quella del 2018

Sappiate un piccolo segreto… l’influenza dipende dal clima! Proprio così, i virus che di solito ...

Condividi con un amico