Home » Benessere » Ecco perché le sigarette light sono pericolose

Ecco perché le sigarette light sono pericolose

Light vuol dire “leggero” e associato alle sigarette per molti fumatori significa avere più tranquillità, grazie a una sigaretta “alleggerita” dalle sostanze chimiche che invece persistono nelle sigarette normali. Eppure, uno studio della Ohio State University e del National Cancer Institute col patrocinio della Food and Drug Administration Center for Tobacco Products, ha evidenziato come queste sigarette più che quelle “normali” siano invece associate a casi di adenocarcinoma, il tumore dei polmoni.

I fori sul filtro fanno male

Questo tipo di tumore è più pericoloso di quello classico perché si sviluppa nella parte più profonda dell’organo e non si può operare. E dire che lo scopo delle sigarette light era proprio quello di limitare certi danni invece, anche in buona fede, li hanno peggiorati. In queste sigarette il filtro è circondato da una copertura forata che doveva servire a disperdere più tossine e farne inalare molte meno, invece si è visto che ha agito al contrario. A causa dei fori, infatti, la combustione più lenta e ad una temperatura inferiore, fa in modo che si inali più facilmente e in profondità, portando quei (pochi) elementi tossici proprio in fondo ai polmoni.

Bisogna cambiare

Non si condannano le sigarette light, che chiaramente erano nate con intenti costruttivi e non distruttivi, ma si impone una nuova ricerca per cambiare la loro struttura di base perché questa, così com’è, non fa per niente bene. Si deve cercare un modo per fermare veramente le sostanze tossiche in modo da garantire la vera leggerezza di queste sigarette rispetto ad altre, ma la tecnica dei fori sul filtro chiaramente non è più adatta. Per lo stesso motivo si consiglia ai fumatori di non applicare forellini fai da te sulle sigarette classiche, come molti fanno credendo di “alleggerirle”, piuttosto provate ad avvicinarvi alle sigarette elettroniche o provate a fumare molto meno.

Grazia Musumeci

Sicilianissima, vivo ai piedi dell'Etna e lavoro dal 1999 sia come traduttrice che come blogger. Le mie passioni, oltre la scrittura, sono la fotografia e la montagna.
x

Guarda anche

Basilioma, ecco qual è “l’altro” tumore della pelle

In questi giorni ogni sito di benessere vi parla e vi parlerà del melanoma, “IL” ...

Condividi con un amico