Home » Benessere » Ecco il gioco “anti balena azzurra” che insegna la vita

Ecco il gioco “anti balena azzurra” che insegna la vita

L’ultimo caso sconcertante è di ieri, a Catania: un ragazzo di 16 anni denunciato per aver istigato al suicidio un’amichetta, invitandola più volte a completare il gioco BLUE WHALE (balena azzurra) con l’ultima prova: lanciarsi dal nono piano. La ragazzina per fortuna ha parlato con i genitori e questi hanno avvisato la polizia. E’ questo il “gioco” della balena azzurra. Una serie di 50 prove che vanno dal minimo autolesionismo (procurarsi un taglietto) fino al suicidio. Una follia ideata da una rete di psichiatri col mito della “razza pura” decisi a uccidere i giovani più deboli.

Venti ragioni per NON morire

Nonostante l’arresto di alcuni di loro e la diffusione di una attenta campagna di prevenzione tra i genitori, sono ancora troppi gli adolescenti lasciati soli con questo gioco idiota, che si scarica da qualunque smartphone senza difficoltà alcuna. Ma per fortuna qualcuno ha pensato a una soluzione e l’ha pensata con lo stesso metodo di Blue Whale. Arriva infatti 20 REASONS –tradotto: “venti motivi”– per ribellarsi alla morte e giocare invece al gioco della vita. Una bellissima idea tutta italiana, inventata da Nadia Tempest e dal suo fidanzato Pasquale, che la stanno diffondendo tramite Youtube con lo hashtag #20reasonschallenge .

Una gara verso il bello

Il gioco della vita, che si contrappone a quello della morte, consiste in 20 prove contro le 50 di Blue Whale. Le prove sono, per citarne solo alcune: manda un messaggio a qualcuno che non senti da tempo, pubblica una foto della tua città, abbraccia un tuo parente, urla la tua rabbia, ballate al ritmo della vostra musica preferita, mangiate il vostro cibo preferito, racconta tre cose belle successe oggi, scrivete due vostri pregi Insomma una scalata al bello che c’è dentro e fuori di noi per contrastare la follia di massa di un gioco che spinge alla morte soggetti troppo sensibili o manipolabili per capirlo. La sfida a chi è più felice vuole distruggere la follia e vuol farlo con una risata, con la musica, con il gusto, con tutto ciò che un ragazzino di 13 anni dovrebbe godere. Naturalmente, noi tifiamo per #20reasonschallenge.

Grazia Musumeci

Sicilianissima, vivo ai piedi dell'Etna e lavoro dal 1999 sia come traduttrice che come blogger. Le mie passioni, oltre la scrittura, sono la fotografia e la montagna.
x

Guarda anche

Ecco perché l’orgasmo è una “bella malattia”

L’orgasmo? Chi non farebbe i salti mortali per provarlo, come si deve, almeno una volta ...

Condividi con un amico