Home » Benessere » Ecco come i cani salvano i cardiopatici

Ecco come i cani salvano i cardiopatici

L’ultimo in ordine di tempo ad applicarla è lo stato di San Marino. La terapia cardiologica con i cani, o cardiac pet-teraphy deriva da uno studio scientifico americano che affidava a dei cuccioli di cane la “riabilitazione” di persone che avevano subito infarti o che soffrivano di problemi di cuore, osservando notevoli cambiamenti al punto che si è potuto dichiarare che i cani allungassero la vita dei cardiopatici di 4 volte, rispetto ai farmaci.

Il paziente è felice e rilassato

In Italia questa terapia è stata applicata per la prima volta a Varese, presso gli Istituti di Ricovero e Cura-Gruppo Iseni Sanità di Lonate Pozzolo, lo stesso centro che oggi la sta insegnando agli ospedali sanmarinesi. La “cura” consiste nel far adottare un cucciolo di cane a persone malate di cuore perché la presenza del cane, il suo affetto e i suoi giochi, rilassano moltissimo il paziente e permettono al suo cuore di lavorare con calma e di riprendersi se è stato stressato. L’occuparsi di un piccolo animale, inoltre, distrae il paziente dai suoi problemi fisici e dimenticandoli dimentica anche il panico che li aggrava.

Combatte il randagismo

Premesso che la cosa funziona sia con cani, che con gatti o criceti … la preferenza ai cani va perché dimostrano molto più affetto rispetto ad altri animali. E non solo. Questa soluzione aiuta anche gli animali stessi, che vengono tolti dai canili e trovano un ricambio affettivo che altrimenti non avrebbero avuto. Anche a San Marino la pet-therapy è stata accolta a braccia aperte, non solo per il bene dei cardiopatici: in questo piccolo stato, infatti, il randagismo è stato praticamente sconfitto e questa nuova idea aiuterà quei pochissimi cani ancora in cerca di padrone a trovare una collocazione amorevole. A occuparsi dell’organizzazione di pet-therapy nella piccola repubblica sarà  l’Associazione Cuore Vita guidata da Giovanni Iwanejko.

Grazia Musumeci

Sicilianissima, vivo ai piedi dell'Etna e lavoro dal 1999 sia come traduttrice che come blogger. Le mie passioni, oltre la scrittura, sono la fotografia e la montagna.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

x

Guarda anche

Ecco perché gridare “Ahi !!” fa bene alla salute

Due università, una a Singapore e una in Spagna, hanno di recente rispolverato la tortura… ...

Condividi con un amico