Home » Benessere » Donatori di sangue: oggi la Giornata Mondiale

Donatori di sangue: oggi la Giornata Mondiale

Oggi si celebra in tutto il mondo la Giornata della Donazione di Sangue voluta dall’OMS, e l’Italia lo fa gratificandosi con i risultati ottenuti nel 2016, ovvero una donazione di sangue ogni 10 secondi nel Paese! Un bel risultato per una nazione che fino agli anni Novanta quasi ignorava il valore della donazione di sangue e che dai primi anni Duemila in poi ha visto aumentare sia le donazioni che i donatori. Le donazioni dell’anno scorso hanno aiutato 660.000 persone a salvarsi la vita.

Donare sangue fa bene

Attualmente, nonostante un calo improvviso negli ultimi anni (dovuto soprattutto all’emigrazione di tanti giovani che lasciano l’Italia) si continua a donare ed è un’azione che non tutti fanno. In molti Paesi, come l’India o gli Stati Uniti, il sangue viene VENDUTO e non donato. Quello che si fa in Europa è un vero  e proprio gesto di generosità gratuita importantissimo. Un gesto che fa anche bene a chi dona: il sangue prelevato si ricambia velocemente e garantisce la comparsa di globuli rossi più giovani e forti, e poi ogni sacca di sangue viene analizzata col risultato che si hanno le analisi al sangue gratis!

Coinvolgere giovani e immigrati

Bisogna ora recuperare un po’ di entusiasmo per il 2017 e in previsione del 2018. Intanto per l’estate appena cominciata, periodo sempre critico per le donazioni a causa delle ferie e del caldo. Poi per invogliare la gente a donare. Si possono coinvolgere anche gli immigrati, in modo particolare i musulmani che hanno “l’obbligo del dono” tra i  principi della loro fede e sono molti i donatori musulmani che regalano il proprio sangue a noi italiani.  Un dato incoraggiante è che l’età media dei donatori rimane stabile tra 18 e 25 anni, sebbene calino un po’ i quarantenni. Tra le regioni più generose c’è il Friuli Venezia Giulia, mentre quella che dona meno (anche per mancanza di popolazione giovane) è la Calabria.  

Grazia Musumeci

Sicilianissima, vivo ai piedi dell'Etna e lavoro dal 1999 sia come traduttrice che come blogger. Le mie passioni, oltre la scrittura, sono la fotografia e la montagna.
x

Guarda anche

Muore di malaria: commovente messaggio della giovane infermiera

Sono atteggiamenti, modi di pensare e di essere che molti politici italiani non capiranno mai. ...

Condividi con un amico