Home » Benessere » Bastano 4.000 Euro per farsi venire la pertosse?

Bastano 4.000 Euro per farsi venire la pertosse?

Vaccini sì, vaccini no, vaccini salvavita, vaccini veleno … invece di discutere tanto perché non si passa ai fatti? Vediamo quanti sono disposti a farsi avanti e a testare sulla propria pelle le loro teorie (i vaccini funzionano, per chi è a favore, o le malattie si vincono anche senza vaccini, per chi è contro). Potete farlo subito se siete soggetti di età compresa tra 18 e 45 anni, di sana e robusta costituzione e pronti a farvi inserire in corpo il batterio della pertosse!

Quattromila euro per tossire

L’università inglese di Southampton, infatti, cerca 35 volontari ai quali offre sull’unghia 4.000 Euro per sottoporsi a questo test come cavie. Si stanno cercando informazioni utili per migliorare il vaccino già esistente e per farlo occorre studiare gli sviluppi della malattia sugli adulti. Il batterio verrà inserito in corpo con un tampone nasale, dopo di che si vivrà in isolamento per 17 giorni e sotto osservazione. Non sarà certamente una cosa facile, dato che si tratta di una malattia davvero fastidiosa e soprattutto di lunga durata.

Migliorare il vaccino esistente

La pertosse è una di quelle malattie “dell’infanzia” come morbillo, rosolia e varicella che si trasmette con contagio da batterio gram-negativo. Inizia come un normale raffreddore ma poi si concentra in gola con una tosse sempre più violenta che in alcuni casi può portare al vomito. La tosse dura per 10 settimane circa per cui è nota anche come “tosse dei 100 giorni” e nei bambini può avere conseguenze respiratorie importanti. Il vaccino esiste già e funziona. Ma si cerca di elaborarne uno ancora migliore per proteggere anche dai rari casi adulti. Il test, proprio perché volontario, può essere abbandonato in qualsiasi momento prima dell’inizio del test. Dopo l’inizio della malattia però sarà impossibile lasciare la stanza sterile senza una palese guarigione. Per tutto questo, secondo voi, 4.000 Euro bastano o sono pochi?

Grazia Musumeci

Sicilianissima, vivo ai piedi dell'Etna e lavoro dal 1999 sia come traduttrice che come blogger. Le mie passioni, oltre la scrittura, sono la fotografia e la montagna.
x

Guarda anche

Psicosi da vaccino: a Catania un bimbo viene “dato per morto”

Succede a Catania, in un poliambulatorio di un quartiere di periferia. Durante la vaccinazione di ...

Condividi con un amico