Home » Benessere » Fumo passivo e tumori: la Regione Sicilia pagherà risarcimento

Fumo passivo e tumori: la Regione Sicilia pagherà risarcimento

Lucia Lo Conte è una diligente impiegata regionale siciliana. Non fuma, conduce una vita sana e tutti i giorni va a lavorare nel suo ufficio dove i colleghi fumano tutti. Un giorno Lucia si ammala di tumore ai polmoni e nonostante le lotte e le cure, muore a soli 50 anni. Prima di morire, fa in tempo a stilare col suo avvocato una relazione di accusa che punta il dito contro quell’ufficio, contro quel luogo in cui era costretta a respirare fumo 8 ore al giorno tutti i giorni. La causa incentra su questo: la disattenzione per le necessità di una persona non fumatrice, ignorate anche dopo l’obbligo per legge della sua tutela.

Risarcimento milionario

In realtà la signora Lo Conte è morta nel 2004, la legge era cambiata da poco in favore dei non fumatori e lei non aveva fatto a tempo ad usufruirne. Erano anni in cui nemmeno la scienza aveva ancora confermato la pericolosità del fumo passivo. Però la donna, a cui il fumo dava fastidio a prescindere, aveva richiesto più volte inutilmente uno spostamento di ufficio oppure un maggior rispetto da parte dei colleghi già in tempi non sospetti. Essendo non fumatrice, come il resto della sua famiglia, ha attribuito l’unica causa del suo tumore all’ambiente lavorativo, e oggi il tribunale di Palermo le ha riconosciuto ragione. La sentenza ha condannato la Regione Sicilia a risarcire ai familiari con un milione e mezzo di euro!

La legge contro il fumo passivo

Oggi il fumo passivo è riconosciuto come nocivo a tutti i livelli, al punto che nei locali pubblici si differenziano le zone fumatori e non fumatori. La legge però non è riuscita a regolare il fumo passivo in presenza di minori, perché è vero che in auto con un minore non si può fumare ma in teoria due genitori fumatori che vanno al ristorante nella sala fumatori possono portare i bambini con sé, esponendoli comunque a un ambiente pesante. Negli uffici la legge è più chiara e tutelante, anche grazie a donne come la signora Lucia che in tempi non sospetti hanno speso anni a combattere il malcostume della sigaretta a tutti i costi. Anche rimettendoci la vita.

Grazia Musumeci

Sicilianissima, vivo ai piedi dell'Etna e lavoro dal 1999 sia come traduttrice che come blogger. Le mie passioni, oltre la scrittura, sono la fotografia e la montagna.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

x

Guarda anche

Basilioma, ecco qual è “l’altro” tumore della pelle

In questi giorni ogni sito di benessere vi parla e vi parlerà del melanoma, “IL” ...

Condividi con un amico