Home » Benessere » Fumo: in Italia si produrrà la “sigaretta intelligente”

Fumo: in Italia si produrrà la “sigaretta intelligente”

Mentre si discute, anche aspramente, nella eterna guerra tra sigarette tradizionali ed e-cig (sigarette elettroniche),  il terzo …. gode! E in questo caso il “terzo” è la nota azienda americana del tabacco, la Philip Morris che ha investito moltissimo sull’Italia e in particolare su alcuni stabilimenti in provincia di Bologna. E proprio da questi stabilimenti, dove le assunzioni aumenteranno nei prossimi anni, partirà la produzione della “alternativa a tutte le sigarette moderne”, la SIGARETTA INTELLIGENTE!

Tabacco scaldato

La PM lavora a questa idea da molti anni, ma adesso ha deciso di metterla in pratica partendo proprio dall’Italia. Si tratta di un nuovo modo di concepire il tabacco: si rinchiudono le foglie lavorate in un tubetto che non viene più acceso col fuoco ma “scaldato” con un dispositivo elettronico interno. In tal modo, le foglie si consumeranno quel tanto che basta per dare al fumatore il gusto della sigaretta ma senza far passare in corpo sostanze pesanti inquinanti e tossiche.  Nome della novità: iQos. E guai a dire che si tratta di un misto tra sigaretta ed e-cig, perché l’azienda smentisce orgogliosamente. E’ tutta un’altra cosa.

Migliori delle sigarette elettroniche

Secondo Philip Morris, infatti, le sigarette elettroniche sarebbero dannose tanto quanto quelle tradizionali...che loro hanno prodotto e producono da anni. I liquidi a base di nicotina che “evaporano” in realtà depositano sostanze poco chiare nel corpo, sostanze in grado di passare anche nel DNA della persona. Esattamente come avviene col fumo tradizionale. Le sigarette intelligenti iQos, invece, avrebbero il minimo rischio assoluto di causare danni: non contengono derivati di plastica o petrolio, come le tradizionali, né liquidi sospetti come le elettroniche. Bruciano solo il tabacco semplice, come avveniva alle origini tra gli indios amici di Colombo! E bruciare foglie di tabacco semplici, se proprio benissimo non fa, per lo meno produce un danno minimo e non sempre certo nel lungo termine.

Grazia Musumeci

Sicilianissima, vivo ai piedi dell'Etna e lavoro dal 1999 sia come traduttrice che come blogger. Le mie passioni, oltre la scrittura, sono la fotografia e la montagna.
x

Guarda anche

Sigarette elettroniche, il dibattito è ancora aperto

Sono sempre più diffuse e amate, fanno sentire “chic” come faceva sentire “chic” il bocchino ...

Condividi con un amico