Home » Benessere » Meditazione: ecco perché a volte fa male

Meditazione: ecco perché a volte fa male

Gli occidentali la stanno riscoprendo ora, dopo il boom degli anni Sessanta e un lungo periodo di dimenticanza. La meditazione è divenuta un’arma di difesa (contro lo stress) e di attacco (contro la depressione e la stanchezza). Qualcuno la chiama “mindfulness”, altri la confondono con lo yoga, ma in realtà la meditazione è qualsiasi esercizio mentale che ci permette di concentrarci su noi stessi dimenticando il mondo. Anche le preghiere come il rosario cattolico o le sure musulmane hanno effetti simili alla meditazione. Eppure questa pratica non è per tutti e non sempre fa bene.

Può causare ansia e insonnia

Alcuni studi condotti dalla Brown University (USA) su un campione di persone di religione buddista e di provenienza orientale ha evidenziato strani sintomi che in teoria non dovrebbero essere presenti in chi pratica ogni giorno la meditazione. Addirittura i ricercatori ne hanno classificati 59, un numero altissimo se si pensa che invece la meditazione dovrebbe ridurre i disturbi a zero! Tra i più diffusi: insonnia, nervosismo, iper sensibilità alla luce ma anche forti attacchi di ansia … insomma tutto l’opposto di quel che si aspetterebbe da un meditativo.

Mai da soli

La spiegazione è che, proprio in quanto tecnica molto complessa e diversa per ciascuno, la meditazione andrebbe fatta con una guida esperta che prima vi conosca come persone e poi decida con voi quale pratica è bene usare. Fare la meditazione da soli, se non si hanno le conoscenze giuste (anche in materia psicologica) rischia di causare più danni che benefici. E’ bene sapere che non tutti gli individui sono fatti per una introspezione tanto profonda … i timidi e gli introversi, ad esempio, vanno aiutati a “uscire” da sé e non a rinchiudersi ancora. E per le persone troppo nervose ci vuole una meditazione particolare e non immediata. In breve, anche la miglior pratica se si fa male diventa sbagliata. Pensiamoci.

Grazia Musumeci

Sicilianissima, vivo ai piedi dell'Etna e lavoro dal 1999 sia come traduttrice che come blogger. Le mie passioni, oltre la scrittura, sono la fotografia e la montagna.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

x

Guarda anche

Per evitare l’Alzheimer fate palestra da giovani

Fare movimento, attività fisica, ginnastica, palestra da giovani … dove per giovani si intende anche ...

Condividi con un amico