Home » Benessere » Sigarette elettroniche, il dibattito è ancora aperto

Sigarette elettroniche, il dibattito è ancora aperto

Sono sempre più diffuse e amate, fanno sentire “chic” come faceva sentire “chic” il bocchino lungo negli anni Venti … quella nuvoletta di vapore che ci segue fedele ci indica come originali, particolari, amici dell’ambiente e della salute. Almeno in Italia. Già, perché le sigarette elettroniche qui da noi sono belle, eleganti e fanno bene alla salute… ma altrove no. Ed è questo lo strano, il disaccordo totale tra le varie scuole di pensiero. Insomma, queste sigarette 2.0 fanno bene o male?

In Italia promosse

Uno studio condotto per anni dai ricercatori dell’Università di Catania, coordinato da Riccardo Polosa, docente di Medicina Interna presso lo stesso ateneo, ha definitivamente dichiarato che la sigaretta elettronica non fa male, non provoca danni ai polmoni e non causa problemi a chi ci sta accanto. Polosa ha voluto fortemente il  Comitato Scientifico Internazionale per la Ricerca sulla Sigaretta Elettronica e molti suoi colleghi sono giunti alla sua stessa conclusione. Usando esami dettagliati come spirometria, test del ossido nitrico esalato, TAC del torace hanno dimostrato che le emissioni e l’uso delle e-cig non cambiano i parametri generali della respirazione. Dunque sono innocue.

Ma negli Stati Uniti …

Completamente in disaccordo i ricercatori americani della University of Connecticut che, secondo altri test, dichiarano invece che non tutte le e-cig sono innocue. Quelle che funzionano con sostanze alla nicotina possono fare gli stessi danni delle sigarette normali. Causerebbero variazioni al DNA in grado di far comparire il cancro, anche nei figli degli svaporatori. Un ulteriore studio sul vapore emesso, anche se non proviene da sostanze alla nicotina, descrive diversi danni nei polmoni di chi respira accanto a uno svaporatore. In fondo le sostanze che la sigaretta elettronica brucia (l’acroleina, la formaldeide e l’acetaldeide) se prese in gran quantità sono un bel problema. In attesa che la scienza trovi un accordo definitivo, però, la gente continua ad avvicinarsi al mondo e-cig e lo fa con un entusiasmo che vede in prima linea i giovani, seguiti dai quarantenni ex fumatori.

Grazia Musumeci

Sicilianissima, vivo ai piedi dell'Etna e lavoro dal 1999 sia come traduttrice che come blogger. Le mie passioni, oltre la scrittura, sono la fotografia e la montagna.
x

Guarda anche

Ecco la “malattia del traffico”

E’ la “malattia del traffico” perché riscontrata in numero crescente tra le persone che vivono ...

Condividi con un amico