Home » Benessere » Il panico dell’attacco di panico …

Il panico dell’attacco di panico …

Esiste una malattia che forse… non esiste. E non lo diciamo per sminuire la cosa, che anzi è molto seria, ma per farvi capire come funziona l’attacco di panico. Chi ne soffre sente davvero i sintomi, sta davvero male, ma la paura di star male lo fa stare pure peggio senza che ci sia poi niente di grave. Chi soffre di attacchi di panico sente mancare il respiro, a volte soffre di giramenti di testa, si sente svenire … nei casi più gravi sente un dolore al petto che somiglia all’infarto. E questo lo terrorizza di più e peggiora i sintomi ulteriormente col risultato che diventa un circolo vizioso. Come se ne esce?

Accettare il problema e chi può aiutarci

La prima cosa da fare è capire di avere un problema e dargli un nome. Chiamarlo “attacco di panico” e non infarto è già un passo avanti. In secondo luogo, provare a superarlo da soli. Una volta capito di che si tratta si deve tentare di muoversi contro quella paura a piccoli passi, cercando di superare il limite che ci terrorizza (il viaggio in aereo, i luoghi chiusi, la folla ….). Se questo non funziona, è giusto rivolgersi a un professionista come lo psicanalista. Il suo ruolo, alla fine, è quello di prenderci per mano e superare con noi la paura, partendo però dalla causa scatenante. A volte è talmente banale che nemmeno noi ce ne rendiamo conto.

Acquisire sicurezza in noi stessi

Quando si capisce da cosa tutto ha avuto inizio, di solito il panico scompare da solo. Altrimenti il terapeuta ci aiuterà anche nella guarigione. Fa molto bene avere qualcuno con cui confidarsi e che ci dia sicurezza in noi stessi, sia esso familiare o amico,  e fa benissimo avere una distrazione. Se c’è una passione che ci prende dentro … musica, pittura, teatro, cucina … dedichiamoci ad essa proprio quando ci sentiamo attanagliati dall’ansia e forse supereremo lo stress. Se soffrite di paura della folla ma dovete recuperare la ricetta di cucina migliore della vostra vita al centro di un salone affollato, forse il panico passerà in secondo piano rispetto alla voglia di cucinare…!

Grazia Musumeci

Sicilianissima, vivo ai piedi dell'Etna e lavoro dal 1999 sia come traduttrice che come blogger. Le mie passioni, oltre la scrittura, sono la fotografia e la montagna.
x

Guarda anche

Alzheimer: Google aiuta i malati. Ecco come

E’ la malattia più temuta di oggi, dopo il cancro. L’Alzheimer. Non perché sia immediatamente ...

Condividi con un amico