Home » Benessere » Perché gli occhi si irritano di più in estate

Perché gli occhi si irritano di più in estate

Woman eyes

Succede soprattutto in estate …. improvvisamente si infiamma la membrana congiuntiva, che ricopre e protegge il bulbo oculare. Ciò avviene per colpa di germi, batteri, a volte per cause virali, ma può essere scatenata anche da polvere, allergia, reazioni ai farmaci. Come mai, però, si hanno più casi durante l’estate che nel resto dell’anno? Primo colpevole sicuramente il caldo, che rende secca l’aria e fa evaporare il liquido lacrimale che lubrifica la congiuntiva.

Caldo, sabbia e aria condizionata le cause

Ma c’entrano anche la sabbia del mare, l’acqua salata o peggio inquinata, l’aria condizionata e il cloro delle piscine… elementi che in estate si ritrovano spesso tutti insieme. Non si tratta di un disturbo per cui preoccuparsi, ma trattarlo subito significa evitarsi decine di fastidi durante le vacanze. Irritato da una o più di queste cause, l’occhio brucia, lacrima copiosamente o non lacrima affatto, si gonfia e la persona ha sempre la sensazione di avere un granellino o un pelo dentro, continuando a grattarsi e peggiorando il tutto. Se per caso la congiuntivite è data da un virus, invece, a tutti questi sintomi si aggiunge la febbre e il mal di testa, oppure i sintomi tipici del raffreddore. Chi ha la congiuntivite deve curarsi idratando spesso l’occhio con acqua pulita, usando asciugamani personalizzati (la congiuntivite batterica è contagiosa) e facendosi prescrivere dal medico i giusti colliri curativi. Deve evitare l’esposizione al sole, usare occhiali da sole anche al tramonto, fare attenzione alle temperature per evitare che i colliri si guastino col caldo (devono stare in frigo, tra i 2° e gli 8°). Esistono anche pomate da spalmare sulle palpebre che man mano le assorbiranno facendole passare dentro l’occhio in modo indolore.

Grazia Musumeci

Sicilianissima, vivo ai piedi dell'Etna e lavoro dal 1999 sia come traduttrice che come blogger. Le mie passioni, oltre la scrittura, sono la fotografia e la montagna.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

x

Guarda anche

Come fare una dieta sana grazie alle “pause”

L’Università della Tasmania (Australia) ha condotto uno studio molto interessante su un nuovo criterio di ...

Condividi con un amico