Home » Benessere » Perché la dieta non funziona (se non siamo sereni dentro)?

Perché la dieta non funziona (se non siamo sereni dentro)?

A volte ci forziamo a cambiare abitudini alimentari, o digiuniamo direttamente, ci costringiamo a fare esercizi difficili e faticosissimi e non otteniamo alcun risultato utile per la nostra dieta. Ci chiediamo come mai, consultiamo dietologi e nutrizionisti, sicuri che la colpa sia del nostro organismo pigro, della menopausa, di un gene … invece potrebbe essere un problema di psiche! Perché se non siamo sereni e in pace con noi stessi niente riesce bene. Nemmeno la dieta.

Trovare la felicità dentro

Mangiare leggero va bene, eliminare zuccheri va benissimo e anche il movimento fisico è ottimo, ma se non siamo sereni dentro torneremo di nuovo alle cattive abitudini. Eppure è facilissimo essere sereni dentro, perché la felicità abita proprio nel nostro corpo e ha la “forma” di un neurotrasmettitore (la serotonina) che ci dà proprio la sensazione di gioia e benessere. Per scatenare il suo effetto, però, occorre uno stimolo che non viene dal corpo, un amminoacido che ci arriva dal cibo che mangiamo. La serotonina si attiva col triptofano e questo si attiva meglio se mangiamo determinati alimenti e quasi sempre si tratta di alimenti grassi o dolci.

Buona alimentazione ed equilibrio mentale

Ma non sono solo panna e cioccolato che accendono queste sensazioni nel corpo. Anche i cereali, lo zucchero di canna, alcuni tipi di frutta danno lo stesso effetto solo con più lentezza. I dolci ci danno uno “schiaffo” di felicità, questi altri alimenti la accendono in noi pian pianino, come una fiammella. E’ lo stesso motivo per cui, dopo aver mangiato dolci e aver provato la gioia e il benessere interiore, ci sentiamo più depressi di prima e in colpa. L’effetto arriva veloce e va via veloce. Invece con alimenti naturali e sani l’effetto è più lento ma duraturo. Dunque se non riusciamo a essere sereni mettendo in ordine la nostra vita e il nostro lavoro, cerchiamo la felicità nel cibo ma …in modo corretto: mangiamo cereali, pesce, zucchero di canna, frutta, uova, latticini, patate e ogni tanto un pochettino di cacao. Senza mai far mancare il movimento fisico che scatena la soddisfazione mentale con poco. 

Grazia Musumeci

Sicilianissima, vivo ai piedi dell'Etna e lavoro dal 1999 sia come traduttrice che come blogger. Le mie passioni, oltre la scrittura, sono la fotografia e la montagna.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

x

Guarda anche

Alzheimer: Google aiuta i malati. Ecco come

E’ la malattia più temuta di oggi, dopo il cancro. L’Alzheimer. Non perché sia immediatamente ...

Condividi con un amico