Home » Casa » Il degrado delle periferie: no agli affitti in nero agli irregolari

Il degrado delle periferie: no agli affitti in nero agli irregolari

Dopo gli sgradevoli episodi verificatesi in via Padova a Milano nei giorni scorsi, si evidenzia come una delle maggiori concause del fenomeno siano gli affitti in nero ad immigrati irregolari.

“Il fenomeno è innegabile – afferma il Presidente di Assoedilizia avv. Achille Colombo Clerici – Ma, onde evitare di fare di ogni erba un fascio, va anche detto, come da noi ripetuto più volte, che il mondo della proprietà edilizia, rappresentato dalla realtà degli associati ad Assoedilizia, è estraneo a questi deplorevoli abusi (gli affitti in nero a irregolari); abusi comunque individuali ed occasionali, attribuibili prevalentemente a soggetti stranieri che operano nell’ambito delle rispettive etnie di appartenenza; e nei confronti dei quali auspichiamo decisi interventi della pubblica amministrazione e delle forze dell’ordine al fine di eliminare un fenomeno che danneggia oltretutto, non solo l’immagine di una categoria economica seria ed impegnata in un compito di interesse collettivo, qual è quella dei risparmiatori locatori di abitazioni; ma anche direttamente coloro che, per ragioni di contiguita’, ne subiscono il grave pregiudizio economico e morale”.

admin

0 Commenti

  1. Mhm non dimentichiamoci che il problema degli affitti in nero colpisce tantissimo anche i cittadini italiani… Da questo punto di vista la guardia di finanza fa veramente poco e gli inquilini no denunciano per paura che, per ripicca, il padrone di casa li cacci o aumenti l’affitto…. si dovrebbe creare una legge per cui se un inquilino denuncia il suo padrone di casa che affitta in nero non può essere cacciato e non può essergli aumentato il canone 🙂

  2. Ricordiamoci che la tassazione sugli affitti è attualmente intorno al 35-36%. Gli inquilini non denunciano quando gli fa comodo un canone ridotto.

x

Guarda anche

Inghilterra fuori dall'Unione e mercato immobiliare in crisi

Alla fine ha vinto il LEAVE (andarsene) e così la Gran Bretagna, con enorme riluttanza ...

Condividi con un amico