Home » Casa » Regione Puglia: concessione di contributi per il recupero di alloggi

Regione Puglia: concessione di contributi per il recupero di alloggi

Nell’ambito dell’attuazione del Piano Casa, la Regione Puglia, con delibera della Giunta regionale n.2428/2009, ha approvato il bando che prevede la concessione di contributi a favore di privati che intendano recuperare uno o più alloggi da destinare all’affitto o a prima abitazione, purché tale attività non venga svolta per finalità professionali o imprenditoriali. Il bando è finalizzato alla selezione di progetti di recupero del patrimonio edilizio degradato, presentati da persone fisiche o persone giuridiche di diritto privato.

Il termine di tale bando scadrà tra circa quindici giorni.
La somma stanziata è di € 10.014.651,85 rivenienti dal Piano Casa Regionale e sarà destinata per due tipi di interventi:
– Il recupero di immobili da destinare all’affitto per un periodo non inferiore a otto anni applicando canoni di locazione non superiori a quelli definiti negli accordi fra le organizzazioni della proprietà edilizia e le organizzazioni dei conduttori maggiormente rappresentative;
– Il recupero di immobili da destinare a prima casa per sé o per parenti e/o affini entro il secondo grado.
In entrambi i casi il Bando individua i requisiti soggettivi richiesti per poter beneficiare dell’abitazione recuperata con il contributo regionale (limiti di reddito, indisponibilità di altri immobili, ecc.).
Potranno essere candidati al finanziamento regionale gli interventi di recupero riconducibili alla tipologia della manutenzione straordinaria, del restauro e risanamento conservativo, della ristrutturazione edilizia. Non possono essere interessati abitazioni signorili, ville, palazzi di pregio (categorie catastali A/1, A/8, A/9) e quelli la cui superficie complessiva sia superiore a 160 metri quadrati.
La misura del singolo contributo varia a seconda della tipologia di intervento e della durata della locazione: da un massimo € 15.000 nel caso di immobili da destinare a prima casa per se o per parenti e/o affini entro il secondo grado sino ad un massimo di € 35.000 qualora l’immobile sia destinato alla locazione per un periodo non inferiore a 16 anni.

Gli interessati potranno candidare anche più interventi di recupero con l’unica domanda che dovrà pervenire al Servizio Politiche Abitative della Regione Puglia entro e non oltre sessanta giorni dalla pubblicazione del Bando nel BURP.
I lavori dovranno avere inizio, pena la decadenza dal finanziamento, entro un anno dalla pubblicazione del provvedimento di ammissione al finanziamento. Questo sarà erogato in una prima tranche pari al 40%, ad avvenuta esecuzione del 50% dei lavori, in una successiva del 20% all’ultimazione dei lavori e con il saldo ad esito della verifica da parte degli uffici regionali, tra l’altro, della sussistenza dei requisiti soggettivi in capo ai conduttori o ai beneficiari dell’abitazione.

admin

x

Guarda anche

Inghilterra fuori dall'Unione e mercato immobiliare in crisi

Alla fine ha vinto il LEAVE (andarsene) e così la Gran Bretagna, con enorme riluttanza ...

Condividi con un amico