Home » Casa » Segnali di cambiamento tra gli agenti immobiliari

Segnali di cambiamento tra gli agenti immobiliari

Gli operatori sono sempre più interessati alla condivisione con i colleghi. E molti l’hanno già sperimentata almeno una volta. La grande maggioranza delle collaborazioni nasce da rapporti di precedente conoscenza o dalla comune appartenenza a reti di categoria o in franchising.

Voglio iniziare questo articolo portando una testimonianza diretta su quanto stimoli l’argomento condivisione. Poco più di un mese fa ho pubblicato sul social network Facebook il gruppo di discussione “MLS pro – Multiple Listing Service” dedicato alla collaborazione immobiliare dove periodicamente pubblico articoli sull’argomento; a oggi il gruppo ha superato le 500 adesioni, quasi tutte di agenti immobiliari o operatori del settore. Un’ulteriore conferma dell’interesse suscitato è arrivato dall’analisi della provenienza di questi operatori, che sono singoli agenti immobiliari, membri di associazioni di categoria, aderenti a reti in franchising e ad altre che già utilizzano strumenti di condivisione. Non tutti ancora si esprimono pubblicamente, ma molti sono i commenti che arrivano in via posta.
Un segnale importante, questa volontà di approfondimento. Come scrivevo su qualche articolo precedente, è in un momento di mercato come l’attuale che gli operatori sono predisposti alla valutazione di nuove prospettive.
In questi giorni sto visitando alcune strutture immobiliari su Milano e ho notato che quasi tutti, in proporzione e con strumenti diversi, condividono o hanno condiviso con altri colleghi. Sto raccogliendo testimonianze ed esperienze. Soprattutto sto analizzando le aree di miglioramento dei prodotti in offerta e sto valutando quali sono gli argomenti che maggiormente interessano o ostacolano i progetti in tema condivisione.
Più della maggioranza degli agenti immobiliari ha già portato a termine almeno una volta una trattativa con altri colleghi. La grande maggioranza delle collaborazioni nasce da rapporti di precedente conoscenza o da comune appartenenza a reti, siano esse di categoria o in franchising.
Un altro dato che è emerso con ripetuta frequenza è la scarsa predisposizione nel confrontarsi con l’operato di colleghi di cui non si conoscono capacità o storia. Una forte criticità, invece, è costituita dalla presenza di un’eccessiva richiesta di storno provvisionale da parte di chi ha l’immobile.
Dato interessantissimo è la positività che ho riscontrato sulla volontà di effettuare collaborazioni con i colleghi, che da molti è addirittura è ritenuta necessaria per superare questo momento.
Alcuni mi hanno richiesto se esiste un manuale su come gestire deontologicamente la collaborazione. Effettivamente non esiste attualmente un codice deontologico che ne stabilisca lo standard operativo, in alcuni casi possono essere utili le linee stabilite dalla legislazione in termini di pluralità di mediazione e in termini di diritto alla provvigione.
Parlando di collaborazione, sono convinto che a breve verranno pubblicati testi o codici a riguardo, ma lo sono ancora più che i fondamentali nasceranno dal buon senso e dal rispetto della professionalità degli agenti. Posso affermare con certezza che il concetto di collaborazione è di per sé selettivo. Infatti, potendo scegliere con chi collaborare, con chi creare un rapporto continuativo, o chi epurare dal proprio elenco di “Amici”, si andrà automaticamente verso un’autoregolamentazione basata, come dicevo, proprio sulla professionalità e sul buon senso.
Ispirandomi a Ebay (il più famoso sito di compravendita su web), che per primo ha affrontato la naturale diffidenza verso l’acquisto o comunque la creazione di un rapporto con un utente sconosciuto, mi viene in mente la possibilità di creare uno strumento che potrebbe segnalare i feedback sull’operatore, ovvero creare la possibilità di segnalare spontaneamente l’operato di un collega; anche se, a differenza di Ebay, forse lo segnalerei a titolo di premio per l’eccellente qualità di servizio offerto.
È solo un’idea ma potrebbe portare a una veloce valutazione, almeno sommaria, dell’interlocutore.
Comunque, da questo giro tra gli operatori sto raccogliendo molti suggerimenti e consigli che elaborerò al più presto e come sempre trasformerò in articoli che condivideremo e commenteremo insieme tramite il gruppo Facebook “MLS pro – Multiple Listing Service”.

Fonte: MLS pro – Multiple Listing Service

admin

x

Guarda anche

In Liguria e Trentino si costruisce col crowdfunding

Sapete cosa vuol dire “crowdfunding”? Letteralmente, “fondi dalla folla”, ovvero raccolta fondi. Nella smania esterofila ...

Condividi con un amico