Home » Casa » Cedolare secca, la convenienza dei contribuenti

Cedolare secca, la convenienza dei contribuenti

Con l’approvazione della cedolare secca i contribuenti avranno una convenienza grazie all’applicazione dell’imposta sostitutiva sui contratti d’affitto. Al momento l’aliquota minima dell’Irpef è del 23%, dunque con l’aliquota al 21% sul canone d’affitto, che scende al 19% per i contratti a canone concordato, è facile prevedere che saranno in molti a scegliere la cedolare.

Convenienza non solo per i proprietari ma anche per gli inquilini, visto che la cedolare secca prevede anche che durante il periodo di applicazione della nuova imposta non si possa aumentare il canone di affitto, anche se pattuito nel contratto, incluso anche l’aggiornamento Istat. Così il nuove regime fiscale sulle locazioni dà anche qualche forma di garanzia agli inquilini.

admin

0 Commenti

  1. ma le nuove aliquote, non è mai specificato, se verranno applicate sull’intero canone di affitto o come atualmente succede sull’85% x i 4+4 (Libero mercato) e 59,5 % per i 3+2 ( per i concordati ) grazie

x

Guarda anche

Affitti: per modificare il contratto occorre pagare l'imposta

Anche se si è optato per il regime della cedolare secca, le modifiche al contratto ...

Condividi con un amico