Home » Casa » Letti “tessili” per il freddo inverno

Letti “tessili” per il freddo inverno

extra-soft

Non si usano più come una volta, quando però erano prerogativa dei “ricchi”, eppure i cosiddetti LETTI TESSILI sono la soluzione ideale per affrontare un lungo inverno freddo. Si chiamano così perché in ogni loro parte sono costituiti da materiale tessile (velluto, cotone, ricami, imbottitute, ecc.) e sono in effetti un modo caldo e accogliente di concludere la giornata. Per farli tornare di moda, alcune aziende li stanno riproponendo come idee per il 2017, abbinate a colori come marrone, ambra, bordeaux. Una di queste aziende è Twils, un’azienda veneta che ha affidato la propria produzione a grandi firme.

Una delle proposte più interessanti è il letto matrimoniale “Drop” a firma Studio Viganò. Testiera morbida, a goccia, che accoglie anatomicamente spalle, testa e si adatta perfettamente ai cuscini. Sia la testiera che la struttura portante del letto sono fatti in tessuto (come il velluto) oppure in ecopelle.

Letti extramorbidi, circolari o minimalisti… ma caldi

Living Divani ha realizzato “Extrasoft Bed” (letto extramorbido, vedi FOTO) a firma di Lissoni, costituito da una struttura morbida in pelle imbottita da piume d’oca, con forme irregolari che sembrano risucchiare il materasso al centro. Presotto presenta “Brera”, un letto in cui il materasso è accolto da un “anello” formato da giroletto, testiera e struttura che si innalzano a formare un cerchio avvolgente. L’azienda Zanotta (a firma Damian Williamson) propone “Ruben”un letto con una struttura formata da più strati bombati, che si allargano verso la base fino a nascondere i piedini così che il letto, molto semplice nel design, sembri fluttuare. Il bello dei letti tessili è proprio questo senso di protezione, di calore, di abbraccio che donano con la loro morbidezza a chi li utilizza. Ci si potrebbe domandare come si comportino gli stessi letti durante le stagioni calde, quando invece tale abbraccio darebbe anche un po’ fastidio.

In realtà molti letti tessili sono “sfoderabili”, cioè si può togliere la parte di tessuto che ne riveste anche la struttura e lavarlo, o conservarlo durante l’estate per poi rimontarlo all’arrivo dell’inverno.  Certamente è un gran lavoro, ma per fortuna si fa solo una volta l’anno. Alcuni, per maggior praticità, scelgono letti tessili in cotone o lino così da non dover “soffrire” in estate. Ma certamente chi sceglie un letto tessile lo fa perché ama l’eleganza e la bellezza e le antepone a qualsiasi senso pratico… accettando anche di soffrire un pochino tre mesi l’anno.

Grazia Musumeci

Sicilianissima, vivo ai piedi dell'Etna e lavoro dal 1999 sia come traduttrice che come blogger. Le mie passioni, oltre la scrittura, sono la fotografia e la montagna.
x

Guarda anche

verdure-1

Sarà vero? Come capire quali alimenti fanno davvero bene

Il caffè fa bene alla salute, no, anzi, distrugge il cuore. Il cioccolato devasta i ...

Condividi con un amico