Home » Casa » A casa di Donald Trump

A casa di Donald Trump

trump-house

Sarebbe lui, il multimiliardario “matto” Donald Trump il nuovo presidente degli Stati Uniti per i prossimi quattro o addirittura otto anni. L’uomo che tanto sta facendo discutere e tremare il mondo, con le sue frasi razziste, con il suo inneggiare alla violenza, per chi lo vive da vicino … come i condomini o vicini di casa… sarebbe invece una persona “alla mano e divertente”. Ne sanno qualcosa i (tanti!) condomini della sua torre personale, la TRUMP TOWER  a New York, un grattacielo dove il ricchissimo neopresidente ha più di un appartamento personale. Completata nel 1983, alta 202 metri, 58 piani, questo enorme palazzo di cristallo domina la 5a Strada e scintilla sotto il sole con il suo carico di appartamenti di lusso. Chiaramente un uomo potente e ricco come Trump non ha “soltanto” questa abitazione, nel Paese, ma questa è tra le più interessanti.

L’attico a tre piani di Donnie

Il palazzo fu progettato da Derr Scutt, realizzato in cemento armato rinforzato e ai suoi tempi fu il palazzo di cemento rinforzato più alto di New York. Un sistema di capriate in cima alla struttura collega le colonne esterne con il nucleo in cemento facendo sembrare il tutto più ampio di quanto in realtà non sia e rendendolo però anche resistente ed elastico contro terremoti e uragani.  L’atrio è uno “spazio pubblico” che collega i negozi e uffici dei primi piani con i vicini grattacieli di IBM e con Tiffany, grazie a gallerie sotterranee che da qui partono. Purtroppo, per realizzare questo capolavoro di palazzo, Trump non si fece scrupoli a distruggere l’edificio art déco che sorgeva prima in quel luogo, parte della storia antica di New York! Le zone in comune del condominio sono rivestite in marmo rosa, specchi e cornici di ottone sono ovunque, e l’atrio di ingresso (alto 5 piani!) è attrezzato con decine di negozi e anche con una piscina sulla quale si passeggia tramite una artistica passerella. Dentro questa torre dal valore di 318 milioni di dollari, “Donnie” e la sua famiglia occupano l’attico all’ultimo piano. Un appartamento su tre livelli luminoso e con vista mozzafiato sulla città, dove il lusso e gli eccessi si sprecano. Finti soffitti rinascimentali, arredamenti classici e vintage, con richiami alle corti di re e regine d’Europa, marmi e moquettes imbottite tra vasi d’oro e quadri da collezione. Forse, in confronto, la Casa Bianca gli sembrerà un ostello!

Grazia Musumeci

Sicilianissima, vivo ai piedi dell'Etna e lavoro dal 1999 sia come traduttrice che come blogger. Le mie passioni, oltre la scrittura, sono la fotografia e la montagna.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

x

Guarda anche

kenzo-casa-parigi

Come arreda un grande stilista: a casa di Kenzo

Lui si chiama Kenzo Takahada, ma per tutti è “Kenzo” e basta. Qualcuno lo pronuncia ...

Condividi con un amico