Home » Casa » Il pilastro che non c’è

Il pilastro che non c’è

A volte succede anche nei migliori progetti. Un pilastro portante “in mezzo ai piedi”, una colonna storica che non si può spostare … un bell’ostacolo se state costruendo o restaurando un ambiente di casa vostra. E allora che fare? Abbatterlo è un peccato, ed è anche rischioso in molti casi, quindi bisogna assorbire, inglobare, trasformare in parte dell’arredo al punto da… farlo sparire.

Il pilastro diventa arredo fashion

E’ quello che hanno fatto tanti architetti nella storia, e spesso con risultati davvero originali che hanno dettato moda a loro volta. Perché non sempre quel pilastro in mezzo al salotto, o quella colonna in camera da letto è un problema. A volte può diventare perfino “fashion”. Vuoi mettere la bellezza di un pilastro grezzo di cemento a vista che spezza il ritmo tecno-moderno di un salotto anni Duemila? Oppure una poltrona rotonda costruita letteralmente intorno al pilone di metallo che regge il soffitto? E non solo.

Potete usare la colonna o il pilastro “di troppo” per avvolgergli intorno un bel tavolo che faccia da tavolo da pranzo da un lato e da banco di lavoro per la cucina dall’altro! Potete addossargli due ante di una libreria e farlo sparire al loro interno. Potete costruirgli un altro pilastro accanto e creare una porta dal nulla! Si può inglobare in una teca di vetro insieme a degli scaffali e a una lampada e farne un elemento rustico in un arredo moderno. Oppure si può semplicemente lasciare lì, nudo e solo, magari dipinto con una tinta che contrasta con tutto ciò che c’è intorno … elemento per spezzare, in tutti i sensi, l’insieme.

Grazia Musumeci

Sicilianissima, vivo ai piedi dell'Etna e lavoro dal 1999 sia come traduttrice che come blogger. Le mie passioni, oltre la scrittura, sono la fotografia e la montagna.
x

Guarda anche

Come creare un bel portabottiglie

Se amate il fai da te, se amate il vino, se amate il risparmio… o ...

Condividi con un amico