Home » Casa » In Liguria e Trentino si costruisce col crowdfunding

In Liguria e Trentino si costruisce col crowdfunding

Sapete cosa vuol dire “crowdfunding”? Letteralmente, “fondi dalla folla”, ovvero raccolta fondi. Nella smania esterofila di noi italiani ormai certi termini sembrano non avere traduzione, invece sono più semplici da capire nella nostra lingua. Soprattutto se il suddetto “crowdfunding” riguarda anche il settore immobiliare. Di norma si usava per le raccolte di beneficenza, poi è esploso con la “sfida della doccia gelata” in favore della Sclerosi Multipla e oggi si usa in diversi campi di azione… anche per comprar casa.

Due progetti

Avviene così che siano approvati due progetti di “crowdfunding”, uno in Liguria e uno nel Trentino, dopo che la nuova manovra del 24 aprile scorso ha tolto i limiti prima imposti a questo tipo di raccolte fondi pubbliche. Uno dei progetti (foto ) riguarda la costruenda “Città di Vetro” ad Altare (Savona). Si raccoglieranno fondi per ristrutturare, recuperare e dare un nuovo volto allo stabilimento delle ex vetrerie SAVAM. Insieme ad abitazioni sociali e a sistemazioni per artisti si preserverà il lavoro del vetro, ma non più affidato a operai e industrie quanto a veri artigiani che qui avranno bottega e casa. Servono 5 milioni di euro per centrare l’obiettivo.

E molti investitori

A Trento, invece, il progetto è meno “sociale” e molto più chic. Si dovranno raccogliere 10 milioni di euro per un complesso residenziale di 13 appartamenti e 3 attici. Questo progetto attirerà folle di investitori più ricchi, sebbene sia affidato al crowdfunding soltanto una parte della raccolta e non tutta. Ma il bello di queste raccolte sta proprio nel modo di avvicinare la gente, interessata o meno, per partecipare attivamente al progetto. In cambio, a differenza delle raccolte di beneficenza che lasciano solo un “grazie” e un sorriso, qui si hanno dei vantaggi: in base alle somme investite si ha un certo rientro dai profitti.

Grazia Musumeci

Sicilianissima, vivo ai piedi dell'Etna e lavoro dal 1999 sia come traduttrice che come blogger. Le mie passioni, oltre la scrittura, sono la fotografia e la montagna.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

x

Guarda anche

Lloyd Wright: 150 anni di architettura

Centocinquanta anni di architettura … anzi, un po’ meno in realtà. Perché questi sono gli ...

Condividi con un amico