Home » Ecologia » Arresti domiciliari per Marta Di Gennaro e Corrado Catenacci

Arresti domiciliari per Marta Di Gennaro e Corrado Catenacci

Arresti domiciliari per l’ex vice di Guido Bertolaso alla Protezione Civile, Marta Di Gennaro, e l’ex commissario ai rifiuti della Regione Campania, Corrado Catenacci, a seguito di un’operazione per reati ambientali condotta in varie zone d’Italia dai carabinieri del Noe (Nucleo Operativo Ecologico) e dalla Guardia di Finanza di Napoli.

Nella stessa operazione, coordinata dalla procura della Repubblica di Napoli, sono state arrestate anche altre 12 persone, con accuse che vanno da associazione per delinquere a truffa e reati ambientali, mentre a finire nel registro degli indagati sono state 38 persone, tra cui l’ex presidente della Regione, Antonio Bassolino, l’ex assessore regionale, Luigi Nocera e l’ex capo della segreteria politica di Bassolino, Gianfranco Nappi.

Le indagini, infatti, hanno accertato l’esistenza di un accordo illecito tra pubblici funzionari e gestori di impianti di depurazione campani che ha consentito, per anni, lo sversamento in mare del percolato (rifiuto liquido prodotto dalle discariche di rifiuti solidi urbani), in violazione delle norme a tutela dell’ambiente, che ha causato l’avvelenamento del tratto di costa della Campania, dal Salernitano fino al Casertano.

admin

x

Guarda anche

Sudafrica, attesa per la sentenza Pistorius

In Sudafrica, è attesa a breve la sentenza per la condanna dell’ex campione paralimpico Oscar ...

Condividi con un amico