Home » Ecologia » Marcia cittadina per inquinamento a Taranto

Marcia cittadina per inquinamento a Taranto

Le mamme di Taranto insieme ai loro bambini scendono in campo per protestare contro una situazione ormai diventata insostenibile, provocata dalla presenza dello stabilimento Ilva, una delle più grandi acciaierie d’Europa, nel rione Tamburi.

In effetti, le persone che vivono in questa zona sono ormai esasperate e stanche perché sono costrette ogni giorno ad inalare i fumi altamente inquinanti sprigionati dai camini dell’industria, che sono molto pericolosi per la salute umana.

Soprattutto molte mamme sono preoccupate per il futuro dei loro figli, infatti, chi ha potuto negli anni ha cambiato zona, ma questa soluzione, purtroppo, è troppo costosa e non tutti, anche se non desiderano altro, se la possono permettere.

Motivo questo che ha spinto il Fondo antidiossina Taranto a organizzare una marcia cittadina, allo scopo di riuscire finalmente a sensibilizzare le istituzioni su questo argomento, che già per troppo tempo è stato quasi snobbato, tanto da decidere di ricorrere alla Corte europea dei diritti dell’uomo.

Al riguardo, il presidente della Onlus, Fabio Matacchiera, ha spiegato: ‘per questo motivo, il Fondo antidiossina Taranto ha già attivato alcuni legali di Strasburgo perchè presentino ricorso alla Corte europea dei diritti dell’uomo, affinchè venga tutelata la vita e la salute dei tarantini’.

admin

x

Guarda anche

Gip di Taranto: l’Ilva non ha rispettato i divieti imposti, l’attività illecita continua

Nonostante le polemiche e i provvedimenti giudiziari presi nei confronti dello stabilimento Ilva di Taranto, ...

Condividi con un amico