Home » Ecologia » Aereo di linea che va … a tabacco!

Aereo di linea che va … a tabacco!

Il genio italiano colpisce ancora, ma come sempre colpisce all’estero e non in patria. Un aereo di linea sudafricano volerà grazie a un biocarburante ricavato dai semi di tabacco, secondo lo studio condotto dall’Università Cattolica di Piacenza. Il primo volo è stato tentato il 15 luglio, sulla tratta nazionale Johannesburg – Città del Capo.

A quanto pare è andata bene e adesso si apre un mondo nuovo per i biocarburanti non inquinanti. Ovviamente non c’è ancora la potenza totale per cui l’aereo avrà sempre una riserva di carburante normale, ma per il 50% nel suo serbatoio ci sarà questa “benzina speciale” nata dalla lavorazione dei semi di tabacco, non OGM e non alimentari. Nati insomma apposta per bruciare, per essere sfruttati fino in fondo. Come una sigaretta gigante il tabacco bruciato dall’aereo ne permetterà il movimento senza però scaricare nell’aria veleni.

Felicissimo il presidente dell’azienda italiana che ha lavorato al progetto, la Sunchem: “Questo primo volo è per noi motivo di orgoglio e grande emozione. Ingegno e risorse totalmente italiane sono alla base di questo successo mondiale”. . Dopo il volo si stanno controllando i livelli di inquinamento dell’aria intorno, e anche lo stato di salute delle coltivazioni sulle quali l’aereo è passato. L’assenza di nicotina in questo tipo di tabacco creato ad arte fa sì che anche bruciando non disperda nulla di tossico nell’ambiente. Il Sudafrica è uno dei pochi Paesi che si sta davvero impegnando a ridurre le sue emissioni di CO2 del 34% entro il 2020 e del 42% entro il 2025. Sono già mille volte avanti rispetto a noi.

admin

x

Guarda anche

Un libro per le “erbacce”

Di solito le strappiamo e le bruciamo senza pietà. Le odiamo davvero tanto, le cosiddette ...

Condividi con un amico