Home » Ecologia » L’Europa ratifica l’Accordo di Parigi in favore dell’ambiente

L’Europa ratifica l’Accordo di Parigi in favore dell’ambiente

Un anno fa, nel dicembre 2015, veniva ratificato da 195 nazioni l’Accordo di Parigi. Lo scopo di questo storico accordo era quello di lavorare tutti insieme per risolvere una volta per tutte il problema dell’inquinamento e dello sfruttamento senza limiti dell’ambiente, per proteggere il pianeta Terra, che è l’unica casa che abbiamo. Da quella data, in dodici mesi, sono cambiate molte cose… non tutte in meglio ma a quanto pare i risultati sono stati comunque raggiunti.

Anche l’Europa dice sì

Il Parlamento Europeo ha posto la firma definitiva che approva le leggi stabilite durante l’Accordo di Parigi. Con 610 voti a favore, anche Bruxelles -che comunque aveva già approvato la cosa un mese fa- stabilisce che si deve lavorare in team per la salvezza del pianeta e che l’Europa è ben felice di fare la propria parte.  Soddisfatto Juncker che dichiara “L’Europa unita porta risultati!”, come a lanciare un messaggio forte contro chi invece rema contro per svariati motivi (Inghilterra e Ungheria su tutti). L’Europa si è mostrata compatta in tematica ambientale e questo è già un problema di meno a cui pensare. Soddisfatto anche il segretario generale dell’Onu, Ban Ki-moon, perché se l’Europa accetta le sfide per cambiare l’economia in prospettiva della salvaguardia ambientale altri Paesi seguiranno.

Le nuove potenze dalla parte dell’ambiente

I risultati si vedono già a partire dall’OK dell’India. Le nuove grandi potenze economiche e industriali sono in Asia, e India e Cina sono tra i Paesi che inquinano di più al mondo. Il fatto che l’India abbia ratificato anch’essa il famoso Accordo fa ben sperare. La Cina decide di impegnarsi ed è già qualcosa, mentre gli Stati Uniti avevano dato il loro appoggio. Tutti però aspettavano la ratifica da parte dell’Europa perché il vecchio continente ha potere trascinatore sulle decisioni di altri, e anche perché la UE è partner economico importante. Se l’economia europea agirà in favore dell’ambiente altri si dovranno adeguare. Una volta depositati di documenti all’ONU, l’Accordo di Parigi diventerà finalmente realtà. Abbiamo atteso un anno di troppo, ma ne è valsa la pena. A lavorare per la salvezza del pianeta occorre inziare immediatamente.

Grazia Musumeci

Sicilianissima, vivo ai piedi dell'Etna e lavoro dal 1999 sia come traduttrice che come blogger. Le mie passioni, oltre la scrittura, sono la fotografia e la montagna.
x

Guarda anche

Come riempire un ponte di alberi. Succede a Londra

Londra è caotica, inquinata, fumosa, piovosa… anche eccessivamente costosa… ma ha un pregio innegabile: ama ...

Condividi con un amico