Home » Ecologia » Batteria addio! Il cellulare del futuro è ecologico

Batteria addio! Il cellulare del futuro è ecologico

Che stress quella batteria che si scarica e si scarica, e il caricatore sempre dietro e il ricaricatore portatile da comprare… Sta per finire la tortura mentale legata al nostro cellulare grazie alle nuove scoperte dell’elettronica del terzo millennio che sempre più si basa sull’ambiente e sulle energie pulite. In questo caso, luce solare. Luce solare che cattura appena pochi milionesimi di watt e fa funzionare l’intero sistema!

Scoperta americana

La scoperta viene dall’Università di Washington (USA) che oltre a rivoluzionare il funzionamento hanno anche ridisegnato i cellulari che potremmo usare tra meno di 10 anni! Il prototipo testato nei laboratori americani ha sfruttato le vibrazioni stesse della suoneria e della voce umana che si trasmettono tramite l’energia solare ad una piccola antenna interna la quale la amplifica e la trasforma in onde radio. In tal modo si alimenta continuamente da solo, riuscendo a svolgere tutte -ma proprio tutte!- le mansioni a cui siamo abituati ma senza batterie inquinanti dentro.

Vibrazioni al posto di batterie

Chiama, riceve chiamate, trasmette dati audio, video e si collega alla rete. Certo ancora riesce a sostenere tale connessione per poco tempo, ma si sta già lavorando per migliorare i dispositivi interni. Durante la telefonata il cellulare codifica le vibrazioni e le trasforma in onde radio, mentre quando si ascolta la voce o il suono altrui le onde diventano suoni. Basterà quindi un solo pulsante per passare da conversazione ad ascolto, un po’ come la radio di un tempo, ma con molte più potenzialità. Il risultato di tutto ciò? Nulla si getta, nulla va in discarica e non si rischia l’inquinamento da deterioramento delle batterie standard 

Grazia Musumeci

Sicilianissima, vivo ai piedi dell'Etna e lavoro dal 1999 sia come traduttrice che come blogger. Le mie passioni, oltre la scrittura, sono la fotografia e la montagna.
x

Guarda anche

Tartaruga curata a Catania, torna in libertà

Loro, le tartarughe marine Caretta Caretta, amano la Sicilia e l’hanno eletta loro patria adottiva. ...

Condividi con un amico