Home » Moda » Zara, ragazza americana trova topo cucito in un abito

Zara, ragazza americana trova topo cucito in un abito

Un topo in un vestito firmato Zara. È quanto denuncia una ragazza americana.  La ventiquattrenne Cailey Fiesel, di New York, ha denunciato il celebre brand spagnolo dopo aver trovato un roditore morto in un capo acquistato in un negozio del Connecticut.

La giovane ha raccontato di avere trovato un topo cucito all’interno di un paio di pantaloni di Zara, acquistati in saldo al prezzo di 40 dollari. La ragazza si è accorta della presenza dell’”ospite indesiderato” quando, indossato il nuovo acquisto, ha avvertito un nauseabondo odore e un forte prurito alla gamba.  La malcapitata riferisce che il topo, in avanzato stato di decomposizione, si trovava proprio nella cucitura del pantalone, tra stoffa e fodera.

Zara indaga sull’accaduto

Secondo quanto riferiscono i media americani, alla ventiquattrenne è stata diagnosticata anche una grave eruzione cutanea “imputabile al roditore”. E così mentre la giovane annuncia di aver citato in giudizio per danni non specificati il noto marchio spagnolo di abbigliamento, Zara USA ha assicurato che sta indagando sull’accaduto. In nota diffusa dall’azienda si legge “Operiamo in base a severi controlli di qualità e standard di salute e sicurezza comuni in tutto il mondo che vengono seguiti in tutte le fasi della produzione, cucitura e stiratura, comprese. Siamo impegnati a garantire che tutti i nostri prodotti soddisfino questi rigorosi requisiti”.

Non è la prima volta che il marchio di abbigliamento e accessori del gruppo Inditex finisce al centro di uno scandalo. Nel 2014 la distribuzione di una t-shirt per la linea Kids con cucita la stella a sei punte, storico simbolo di Israele utilizzato sotto il controllo nazista come segno di discriminazione per identificare gli ebrei nelle città, ha creato indignazione in ogni angolo del mondo. In quell’occasione l’azienda è stata costretta a porgere pubbliche scuse mentre il designer Elyan Ezekiel si è giustificato dicendo di essersi ispirato alla stella utilizzata dagli sceriffi nei film Western.

Valentina Garbato

Siciliana verace, mamma felice da pochi mesi e appassionata di scrittura da sempre. Amo la lettura, la musica, il cinema, gli amici e il buon cibo. Una laurea in giornalismo e tanti sogni ancora da realizzare.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

x

Guarda anche

Serata di Gala: alle premiazioni della decima stagione del Carrera Cup (e ho pure ricevuto un premio)

In una sera di gala all’insegna dell’amicizia, della cordialità e dello sport si è svolta ...

Condividi con un amico