Home » Motori » Serata di Gala: alle premiazioni della decima stagione del Carrera Cup (e ho pure ricevuto un premio)

Serata di Gala: alle premiazioni della decima stagione del Carrera Cup (e ho pure ricevuto un premio)

In una sera di gala all’insegna dell’amicizia, della cordialità e dello sport si è svolta la rituale serata di premiazione del decimo campionato Carrera Cup che ha visto come protagonista il francesce Côme Ledogar.

Da Monza al Mugello passando per Imola, Misano e Vallelunga sono state sette le tappe in cui giovani piloti dal piede pesante si sono scontrati con gentleman drivers che di gentleman hanno solo l’età anagrafica e che in gara si sono battuti da veri leoni a suon di “sportellate”. Alcuni assenti e ci tengono a precisare non per questioni politiche ma per questioni tecniche: chi in gara, chi malato, come il Presidente Porsche Italia Pietro Innocenti, immobilizzato da una febbre alta che non gli ha permesso di essere presente alle premiazioni.

Guardando a quello che è successo c’è da dire che il 2016 è stato un anno importante per Porsche Italia e in generale per il mondo del motorsport. Come probabilmente saprete Porsche Italia va bene, merito del tanto lavoro svolto dagli uffici marketing e stampa che molto hanno lavorato su eventi mirati e coinvolgenti. Merito del prodotto, oggettivamente senza rivali.

Porsche in Italia ha conquistato nuovamente il podio assestandosi ai primi tre posti in Europa per livello di vendite e questo è stato un successo di gruppo, frutto del lavoro di squadra di Porsche Italia ma anche dei concessionari che hanno saputo realizzare numeri da capogiro in un mercato dell’auto che soffre di diverse problematiche.

L’Italia è tornato un paese molto importante per Porsche anche nel motorsport grazie a giovani campioni come Matteo Cairoli che hanno oggi una visibilità mondiale e che sono contesi da più campionati.

Porsche nel motorsport ha saputo conquistare primati eccezionali: nell’ultima gara del Bahrain è tornata a diventare campione del mondo per la seconda volta consecutiva sia nel campionato costruttori sia nel campionato piloti, senza dimenticare la rocambolesca vittoria di Le Mans in cui Porsche ha in qualche modo dominato fino a vincere, seppur in zona Cesarini.

In termini di Carrera Cup il 2016 è stato un anno ricco di piloti talentuosi e di novità importanti: l’hospitality, radicalmente rinnovato, ha ricevuto ed intrattenuto oltre 5.000 persone con una crescita del 30% rispetto all’anno precedente. Un pubblico composto da team, piloti, staff ma anche di semplici persone, appassionati con famiglie e tanti clienti che sempre più si sono affezionati a questo sport nato forse per gioco 10 anni fa e che oggi, al primo giro di boa ha raggiunto l’impressionante valore di 0,55% di share e che fa i conti con nuovi protagonisti.

Mauro Gentile, amico e storico Professionista in Porsche dal 1997 e che per 10 anni ha accompagnato il Carrera Cup, lascia il posto a Valentina Albanese, giovane promessa del mondo delle competizioni, ex avvocato penalista che ha letteralmente mollato tutto per seguire una passione forte che le è entrata nelle vene. Valentina ha la corsa nel sangue e negli occhi le leggi lo spirito della sana competizione e personalmente sono certo che saprà fare un ottimo lavoro. È proprio lei nel raccogliere il testimone virtuale a parlare di quello che sarà la Carrera Cup 2017: come sappiamo in Italia avremo questa 991 ancora per un anno e vedremo la nuova vettura solo nel 2018 tuttavia ci sarà un primo stravolgimento epocale: l’introduzione dell’ABS. Questa soluzione aiuterà ad allargare il panorama di utenza nei confronti della macchina e comunque è solo un anticipo di carriera per quelli che faranno il salto in GT3, dove l’ABS è presente.

Per avvicinare ancora più pubblico al mondo del motorsport si è pensato di portare una giornata di campionato direttamente al Porsche Festival, così da permettere a tutti quanti di vivere il marchio non solo dal punto di vista dell’heritage, ma anche della sportività.

Altre novità sono invece di carattere tecnico: parallelamente all’introduzione dell’ABS di imporrà di ridurre il numero di gomme utilizzabili per singolo weekend che scenderanno da 12 ad 8 e verrà ridotto sensibilmente il costo di iscrizione.

Tanti i premiati: team, piloti e sponsor che hanno aiutato radicalmente a diffondere e far crescere questa bella competizione.

Scusate la qualità delle immagini, per una sera ho fatto l’ospite (d’Onore) (vedasi foto sul palco al ritiro del premio in compagnia del grande – in tutti i sensi – Nicola Villani, di Emiliano Perucca Orfei e di Mauro Gentile).

Per una sera sul palco ci salgo pure io… 🙂

Sulla mia destra c’è l’amico e collega Emiliano Perucca Orfei, del team di Automoto.it. Non ha bisogno di presentazioni ma lo ringrazio per l’immagine che voleva essere un selfie al quadrato

Alessio

Ingegnere (anche conosciuto come LINGEGNERE, tutto attaccato) da sempre appassionato di fotografia applica il suo talento a vari settori quali le automobili, le moto ed il turismo. Viaggiatore seriale sempre in bilico tra due mondi: quello serio fatto dalla giacca e dalla cravatta e quello più leggero, fatto dall'avventura zaino in spalla. Cercate i suoi lavori, seguitelo sui social.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

x

Guarda anche

Le nuove collezioni natalizie di NESPRESSO

Perché il Natale si arricchisca di nuovi sapori sono in arrivo le nuove edizioni limitate di ...

Condividi con un amico