Home » Viaggi » Palermo, cosa vedere nel capoluogo siciliano

Palermo, cosa vedere nel capoluogo siciliano

Palermo è senza dubbio una delle più belle città della Sicilia. Il capoluogo dell’isola offre davvero tantissime attrazioni per turisti e visitatori che desiderano andare alla scoperta di un luogo che raccoglie in sè i simboli e i segni di diverse culture e civiltà.

Fondata dai fenici tra il VII e il VI secolo a.c, nel corso dei secoli Palermo ha infatti visto varie incursioni successive alla conquista saracena, alcune hanno lasciato un segno indelebile nella storia della città come l’arrivo dei bizantini, e successivamente la conquista da parte degli arabi. Da non perdere in una visita in città la cattedrale di Maria Vergine dell’Assunta in cielo all’interno della quale si possono notare vari elementi architettonici d’impronta araba, specialmente sulle colonne, alcune con ancora visibili delle iscrizioni in lingua araba. Altrettanto affascinante è Palazzo dei Normanni, oggi è la sede dell’Assemblea regionale siciliana, e la Cappella Palatina fatta costruire da Ruggero II e costituita da tre navate, e costruita in devozione dei Santi Pietro e Parolo.

Passeggiando per la città si possono ammirare l’imponenza del teatro Massimo Vittorio Emanuele, la Chiesa della Martorana d’origine bizantina medioevale e caratterizzata dal mosaico della cupola raffigurante il Cristo Pantocratore e la fontana Pretoria, chiamata anche la fontana della vergogna dai siciliani (a causa delle nudità delle sue statue) e costituita da tre differenti vasche concentriche.

Altra testimonianza della molteplicità di stili artistici della città di Palermo è sicuramente la Palazzina Cinese, che fu dimora del re Ferdinando IV Di Borbone e della moglie Maria Carolina nel 1799. Ricco di fascino è anche Palazzo Abatellis che al suo interno ospita anche la Galleria Regionale della Sicilia con opere come il Trionfo della morte e l’Annunziata di Antonello da Messina. Infine, chi ama i luoghi ricchi di mistero non può mancare una visita alla Catacombe dei cappuccini e alle mummie che vi sono conservate. Una delle salme più note conservate all’interno è sicuramente quella della bambina Rosalia Lombardo di due anni, morta di polmonite e una delle ultime salme ad essere ammessa per la sepoltura nella cripta. Da non perdere una visita ai mercati di Palermo, i più celebri sono Ballarò, Borgo Vecchio, la Vucciria e il mercato del Capo.

Valentina Garbato

Siciliana verace, mamma felice da pochi mesi e appassionata di scrittura da sempre. Amo la lettura, la musica, il cinema, gli amici e il buon cibo. Una laurea in giornalismo e tanti sogni ancora da realizzare.
x

Guarda anche

Terremoto Messico, è strage di bambini

Il terremoto che ieri ha messo in ginocchio il Messico ha provocato una strage di ...

Condividi con un amico