Home » Viaggi » Vacanze ai laghi … di Sicilia!

Vacanze ai laghi … di Sicilia!

Che ci crediate o no, in Sicilia si contano circa una cinquantina di laghi veri o artificiali distribuiti tra tutte le province. Non è facile associare l’isola “di Montalbano” e del mare a queste visioni di montagna che pure ci sono e offrono gli stessi benefici dei laghi alpini, sebbene con temperature un po’ più elevate. Tra i più famosi ricordiamo il Lago Pozzillo (Enna), il lago Arancio (Agrigento), il Biviere di Lentini (Siracusa) e i laghi del Parco dei Nebrodi, o Biviere di Cesarò (Messina).

Maulazzo e Biviere

Questi ultimi laghi sono forse tra i più turistici e offrono visioni molto belle. Erroneamente si chiamano “di Cesarò”, perché in realtà sorgono sul  territorio comunale del vicino paese di San Teodoro. Si tratta di due laghi, in realtà, di cui il primo -Lago Maulazzo- è più accessibile ed è ricavato artificialmente. Proseguendo tra i passi e le foreste, dentro cui pascolano cavalli selvatici e cinghiali, si arriva (meglio se con l’aiuto di una jeep attrezzata) al Lago Biviere che offre, nei giorni privi di foschia, una spettacolare vista dell’Etna specchiata sulle proprie acque (foto in alto)! Il Lago Biviere ospita una particolare alga chiamata Euglena Sanguinea che in estate dona alle acque un inquietante colore rosso, ma che nutre molti animali anfibi che qui proliferano, tra cui la testuggine palustre sicula. I boschi e le montagne che circondano questi laghi ospitano specie di rapaci tra le più belle, come le poiane, i gheppi, i falchi e gli sparvieri. A terra, invece, camminano le bisce e saltellano le rane.

Dove alloggiare ai Laghi dei Nebrodi

Per una vacanza presso i laghi del Biviere di Cesarò vi consigliamo di alloggiare appunto nei comuni di Cesarò o di San Teodoro. Per chi arriva in aereo, si atterra a Catania (con trasferimento sull’autostrada Catania-Messina, uscita Fiumefreddo seguendo le indicazioni per Randazzo e Cesarò) oppure all’aeroporto di Palermo imboccando la Palermo-Messina (uscita Sant’Agata di Militello). Ottima la ristorazione della zona del Parco dei Nebrodi, con il piatto principe … il castrato arrosto, ma potete anche scegliere buonissimi piatti di carne di maiale nero dei Nebrodi e i deliziosi vini locali. Per l’alloggio e per avere delle guide che vi portino ai laghi con le loro jeep vi consigliamo caldamente l’agriturismo Turismo Rurale Leanza che offre un servizio di escursione di mezza giornata o una giornata, oltre che camere, ristorazione e piscina. Altre indicazioni: agriturismo Lo Scudiero (a San Teodoro), La Casa sui Nebrodi (a Maniace, alcuni chilometri dal Parco), Cuntarati (situata a Bronte).  —(le foto dell’articolo sono di: Grazia Musumeci)

Grazia Musumeci

Sicilianissima, vivo ai piedi dell'Etna e lavoro dal 1999 sia come traduttrice che come blogger. Le mie passioni, oltre la scrittura, sono la fotografia e la montagna.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

x

Guarda anche

Vacanza nel “baglio”

La parola “baglio” deriva da antichi retaggi linguistici e in almeno due di questi (arabo ...

Condividi con un amico