Home » Bambini » Autismo, novità nella diagnosi

Autismo, novità nella diagnosi

Presto i bambini esposti ad alto rischio di autismo potrebbero essere identificati già a 6 mesi di età. Ad oggi i medici non sono in grado di diagnosticare l’autismo prima dei due anni di età ma una nuova ricerca potrebbe rivoluzionare i metodi di diagnosi.


I ricercatori della University of North Carolina infatti affermano che potrebbero finalmente avere uno strumento chiamato Anisotropia Frazionaria capace di misurare la densità di materia bianca, la parte del cervello ricca di fibre nervose che costituisce le principali vie neurali che collegano le varie regioni del cervello.

In particolare il nuovo strumento dovrebbe essere in grado di valutare la diffusione di acqua attraverso le fibre nervose misurando la densità della mielina, la sostanza che isola le fibre che collegano una cellula nervosa all’altra.

admin

x

Guarda anche

Un “codice” sulle pillole per gestire il farmaco

Sapete che cos’è un QR CODE… o “codice QR”? E’ quel qudratino che trovate ormai ...

Condividi con un amico